Vai al contenuto

L’eruzione del Vesuvio avvenne il 24 ottobre del 79 d.C.

ottobre 22, 2018

L’iscrizione che recita “XVI (ante) K(alendas) NOV(embres)” (MiBAC)

Un’iscrizione scoperta nel sito archeologico di Pompei confermerebbe la data dell’eruzione del Vesuvio il 24 ottobre del 79 d.C. L’iscrizione è stata portata alla luce nella “Casa con giardino” e riporta la data del 17 Ottobre, dunque una settimana prima della grande catastrofe. Finora si pensava che fosse avvenuta il 24 agosto, nonostante le prove archeologiche e letterarie a favore della data autunnale.

Leggi tutto…

Scoperta una residenza Romana a Menfi

ottobre 9, 2018

Bacino rituale (Ministero delle Antichità egiziano)

Gli archeologi egiziani hanno portato alla luce le rovine di un grande edificio, alla periferia del Cairo. Si tratta probabilmente di una lussuosa dimora romana, che all’epoca si trovava in un quartiere residenziale dell’antica città di Menfi.

Leggi tutto…

Scoperta una testa di Giulio Cesare?

settembre 30, 2018

La testa di Giulio Cesare? (repubblica.it)

Tra le vestigia dell’antica colonia romana di Aquinum, oggi Castrocielo in provincia di Frosinone, gli archeologi dell’Università del Salento hanno portato alla luce tre splendide teste di marmo di età romana. Raffigurano probabilmente Ercole, un volto femminile e forse Giulio Cesare.

Leggi tutto…

Trovata una sfinge nel tempio di Kom Ombo

settembre 18, 2018

(Ministry of Antiquities/Handout via REUTERS)

Gli archeologi egiziani hanno scoperto la statua di una sfinge durante i lavori di drenaggio nel tempio egizio di Kom Ombo, non lontano da Assuan. La scultura del mostro mitologico è fatta di pietra arenaria e misura 28 cm di larghezza e 38 di altezza. Probabilmente risale alla dinastia tolemaica greco-macedone, che regnò in Egitto dal 305 al 30 a.C.

Leggi tutto…

Guerrieri adottati? Una tomba di Alemanni con degli stranieri

settembre 16, 2018

Elmo bizantino trovato nella sepoltura 12 (Landesmuseum Württemberg, P. Frankenstein/H. Zwietasch)

Uno studio sulla rivista Science ha scoperto che una tomba di nobili Alemanni, in Germania, era composta da persone di origine sorprendentemente diversa. Dei tredici individui sepolti, solo cinque erano parenti di primo o secondo grado. Addirittura all’interno di una stessa tomba vi erano i corpi di tre persone cresciute in luoghi lontani. Gli scienziati ipotizzano che alcuni di loro potessero essere ostaggi, scambiati da bambini e adottati dalle nuove famiglie.

Leggi tutto…

Oggetti rituali nel palazzo minoico di Zominthos

settembre 15, 2018

Una scultura zoomorfa (Ministry of Culture and Sports, Greece)

Nuovi eccezionali reperti sono stati scavati nel palazzo minoico di Zominthos, al centro dell’isola di Creta. Nel sontuoso edificio gli archeologi hanno trovato oggetti di epoca minoica, micenea e romana. Numerosi vasi di ceramica, depositati nelle cavità delle rocce, testimoniano inoltre «un tipo di culto praticato intorno al 1900 a.C. nei santuari minoici sulle cime delle montagne», ha dichiarato la celebre archeologa Efi Sapouna-Sakellarakis a National Geographic.

Leggi tutto…

Un eccezionale bacile Romano con testa d’aquila

settembre 14, 2018

(Provincie Zuid-Holland)

Gli archeologi hanno scoperto un raro bacile Romano in bronzo a Rijnsburg, nei Paesi Bassi. «In Europa ne esistono circa dieci esemplari simili, ma questo è l’unico con la testa di un’aquila», ha dichiarato l’archeologo René Proos. Il bacile è stato trovato tra i resti cremati di tre Germani in una tomba del IV secolo d.C.

Leggi tutto…