Vai al contenuto

Scoperto l’Homo Luzonensis nelle Filippine

aprile 18, 2019

La grotta di Callao sull’isola di Luzon nelle Filippine (Callao Cave Archaeology Project)

Un nuovo ramo è stato aggiunto all’albero dell’evoluzione umana dopo che una nuova, antica specie umana, l’Homo luzonensis, è stata scoperta nelle Filippine. Sono almeno tre individui di circa 67.000 anni fa. Tra il 2007 e il 2015, i ricercatori ne hanno trovato 13 ossa nei sedimenti della grotta di Callao, sull’isola di Luzon. La scoperta riecheggia l’enigmatico Homo floresiensis scoperto in Indonesia: entrambi piccoli e ritrovati incredibilmente su delle isole.

Leggi tutto…

Incendio di Notre-Dame: cosa è andato perduto e cosa si è salvato

aprile 17, 2019

(Stephane Rochon Vollet—Abaca/SIPA)

La Cattedrale di Notre-Dame di Parigi ospita inestimabili reliquie religiose, opere d’arte, rosoni, organi e statue, ed è lei stessa un gioiello dell’arte gotica. Il disastroso incendio di lunedì ha messo seriamente in pericolo l’intero edificio, bruciando la guglia, il tetto e il telaio di legno che lo sosteneva, opera originale del ‘300. Sono state invece messe al sicuro molte opere del Tesoro della cattedrale quali la Corona di Spine, mentre le più importanti opere rimaste nella cattedrale si sono salvate.

Leggi tutto…

Una nuova sala del tempio di Ramses II ad Abydos

aprile 9, 2019

(Ministero delle Antichità d’Egitto)

Gli scavi archeologici nel tempio funerario di Ramses II, ad Abydos, hanno portato alla luce un nuovo edificio. Abydos era una delle città più antiche e sante d’Egitto, e ospita il grande tempio funerario di Seti I, padre di Ramses II. Nel nuovo edificio – forse un vestibolo o una sala reale – gli archeologi hanno scoperto le pietre angolari ancora incise coi cartigli di Ramses II.

Leggi tutto…

La peste nera del ‘300 nell’Africa subsahariana?

marzo 22, 2019

Nel Medioevo, gli Etiopi adottarono santi europei della peste, tra cui san Sebastiano, qui mostrato in una pittura murale del XVII secolo in una chiesa etiope (Claire Bosc Tiesse and Anaïs Wion)

Lo Yersinia pestis, il batterio che provocò la peste nera tra il 1347 e il 1352 d.C., fece fino a 200 milioni di morti tra Europa, Asia e nord Africa. Finora si pensava che non avesse attraversato il deserto del Sahara e quindi l’Africa subsahariana. Nuove ricerche basate su prove storiche, genetiche e su siti archeologici quali Akrokrowa (Ghana) e Kirikongo (Burkina Faso), mostrano invece possibili segni della peste nera.

Leggi tutto…

Un carico di tegole romane

marzo 21, 2019

(Sebastià Munar / Consell de Mallorca)

Gli archeologi subacquei hanno scoperto i resti di una nave commerciale del I-II secolo d.C. nelle acque di Maiorca, in Spagna. Il carico – tegole e altri materiali da costruzione – non arrivò mai a destinazione poiché probabilmente la nave venne sorpresa da una tempesta e si schiantò sugli scogli vicino alla costa.

Leggi tutto…

I più antichi tatuaggi figurativi sulle mummie di Gebelein

marzo 7, 2019

(Trustes of the British Museum)

Un toro selvatico, una pecora crinita e motivi a forma di S sono stati scoperti su due mummie egizie nel British Museum, a Londra. Mai notati finora, i corpi dei cosiddetti Uomo e Donna di Gebelein conservano i tatuaggi figurativi più antichi del mondo. Vissero nell’Egitto predinastico, tra il 3351 e il 3017 a.C., più o meno contemporanei del famoso Ötzi.

Leggi tutto…

La grotta del dio giaguaro a Chichén Itzá

marzo 6, 2019

Guillermo de Anda (Karla Ortega, Proyecto Gran Acuífero Maya)

Una grotta intatta piena di offerte rituali maya è stata scoperta vicino alla famosa città di Chichen Itza, in Messico. Ci sono piatti, vasi e soprattutto bruciatori d’incenso dedicati a Tlaloc, il dio dell’acqua mesoamericano. È possibile che i Maya stessero cercando il favore degli dèi per far fronte a una grave siccità durante il periodo classico tardo e terminale (700-1000 d.C.). La grotta, già nota in passato ma dimenticata, deve il suo nome a Balamku, il “dio giaguaro” che poteva entrare o uscire dagli inferi.

Leggi tutto…