Skip to content

Scoperte una domus e alcune tombe a Ostia antica

luglio 17, 2014

Ambienti residenziali e spazi sepolcrali sono riemersi al Parco dei Ravennati, l’area compresa fra gli Scavi di Ostia Antica e l’adiacente Castello di Giulio II.

La campagna di scavo, iniziata a giugno con 30 studenti di archeologia provenienti da tutto il mondo, ha individuato ambienti domestici di fine IV secolo caratterizzati da uno straordinario pavimento in opus sectile (in parte emerso nella campagna di scavi del 2013), e coloratissimi marmi policromi che definiscono precise forme geometriche.

(Adnkronos)

(Adnkronos)

(Adnkronos)

(Adnkronos)

Continua a leggere…

Trovati due gonfoteridi in un sito Clovis

luglio 16, 2014
tags:

Durante una campagna di scavi nel sito archeologico messicano di El fin del mundo, gli archeologi hanno riportato alla luce i resti di due gonfoteridi, animali estinti simili agli attuali elefanti, accanto ad alcune punte di lancia risalenti a più di 13 mila anni fa.

(Vance Holliday)

(Vance Holliday)

Gli abitanti del sito, che si trova nel deserto di Sonora, appartenevano alla cultura Clovis, la prima civiltà del Nuovo Mondo. Grazie a questa nuova scoperta gli studiosi possono affermare con certezza che i primi americani cacciavano anche questi antichi mammiferi proboscidati, di dimensioni comparabili a quelle degli attuali elefanti ma dotati di ben quattro zanne.

Non è solo la dimensione delle prede a incuriosire gli scienziati, ma anche l’età degli avanzi. El fin del mundo è uno dei più antichi siti Clovis, e anche uno dei più meridionali, spiega Vance Holliday, archeologo della University of Arizona e coautore dello studio pubblicato su Proceedings of the National Academy of Sciences.

Queste sculture, prodotte dall'artista messicano Sergio de la Rpsa, mostrano tre 'antenati' degli elefanti (da sinistra): il mastodonte, il mammut e un gonfoteride (qui una specie senza le quattro zanne) (Sergio de la Rosa)

Queste sculture, prodotte dall’artista messicano Sergio de la Rpsa, mostrano tre ‘antenati’ degli elefanti (da sinistra): il mastodonte, il mammut e un gonfoteride (qui una specie senza le quattro zanne) (Sergio de la Rosa)

Continua a leggere…

Una cappella egizia di Mentuhotep II ad Abydos

luglio 15, 2014

Lo scorso 23 aprile, a soli 150 metri dal tempio di Seti I di Abydos, in Egitto, la Polizia per il Turismo e le Antichità è riuscita a scoprire e ad arrestare alcuni tombaroli che stavano effettuando uno scavo illegale.

Sotto la direzione di Gamal Abd El Nasseer, gli archeologi hanno identificato una cappella funeraria in pietra calcarea. Le iscrizioni citano i titoli di Nebhepetre Mentuhotep II (regnante dal 2046 al 1995 a.C.), faraone dell’XI Dinastia, il primo del Medio Regno.

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

Continua a leggere…

Il più antico resto umano d’Italia

luglio 14, 2014

Nel sito archeologico di Isernia La Pineta, risalente a circa 600 mila anni fa, è stato rinvenuto un dente di bambino che, allo stato attuale delle ricerche, rappresenta il più antico resto umano della Penisola Italiana.

Si tratta di un primo incisivo superiore sinistro da latte di un bambino deceduto all’età di circa 5-6 anni. Il dente mostra caratteristiche particolari che non si ritrovano negli altri reperti rinvenuti in Europa, seppur riconducibili ad un ampio contesto cronologico. Da questi si discosta perché più gracile e meno bombato.

Incisivo superiore da latte del bambino de La Pineta (foto di Claudio Berto, elaborazione di Julie Harnaud)

Incisivo superiore da latte del bambino de La Pineta (foto di Claudio Berto, elaborazione di Julie Harnaud)

La Pineta: le attività di scavo nel corso del 2014 (C. Peretto)

La Pineta: le attività di scavo nel corso del 2014 (C. Peretto)

Continua a leggere…

Il più antico caso di sindrome di Down

luglio 13, 2014

Il ritrovamento del cadavere di un bimbo affetto dalla sindrome di Down nella necropoli di Chalon-sur-Saône, datata tra il quinto e il sesto secolo dopo Cristo, nel nord est della Francia, fissa una nuova data sulla esistenza comprovata di questa disfunzione genetica e (forse) su come fosse vissuta dai nostri antenati.

La scoperta ha portato alla luce il più antico ritrovamento archeologico che conferma l’esistenza di tale sindrome fin dal principio del medioevo e, cosa forse più importante, secondo alcuni studiosi la postura in cui è stato sepolto il cadavere indica che all’epoca in Francia la malattia non veniva stigmatizzata in alcun modo.

(SPL)

(SPL)

(Cl. Afan)

La sindrome di Down è causata dalla presenza di una terza copia del cromosoma 21 (Cl. Afan)

Continua a leggere…

Individuato un relitto romano nel Mar Ligure

luglio 12, 2014

È rimasto là, in fondo al mare, per oltre duemila anni, fino a quando il sonar di Guido Gay non l’ha individuato, il 22 giugno scorso. Venti miglia a sud ovest dellIsola del Tino, c’è un relitto romano del II secolo a.C., che giace a 500 metri di profondità con tutti i suoi tesori.

«Anfore a centinaia — dichiara Gay — dell’età Repubblicana, che testimoniano i traffici commerciali tra la Francia, la Spagna e Roma che importava da quelle zone dell’Impero, il vino e la salsa di pesce».

(La Nazione)

(La Nazione)

(La Nazione)

(La Nazione)

Continua a leggere…

Comincia l’esplorazione della nave Marte

luglio 10, 2014
tags:

1564: nel corso del secondo giorno di una violenta battaglia navale, una nave da guerra si trasformò in una palla di fuoco e colò a picco, consegnando per sempre centinaia di marinai svedesi e tedeschi ai fondali del Mar Baltico insieme a un’immensa fortuna in monete d’oro e d’argento. La leggenda narra che uno spettro salisse dalle viscere dell’inferno per sorvegliare che la nave – orgoglio della marina svedese – non venisse scoperta.

Cacciatori di tesori, archeologi e appassionati di storia hanno cercato la Mars per anni senza successo. Fino alla primavera del 2011, quando un gruppo di sub localizzò a 75 metri di profondità i resti del vascello, in quella che presto si confermò essere una delle più grandi scoperte dell’archeologia marittima.

La Marte oggi, sul fondale del mar Baltico, dove affondò nel 1564. Il sommozzatore che si vede in alto a destra dà un'idea delle dimensioni del relitto (Tomasz Stachura, Ocean Discovery)

La Marte oggi, sul fondale del mar Baltico, dove affondò nel 1564. Il sommozzatore che si vede in alto a destra dà un’idea delle dimensioni del relitto (Tomasz Stachura, Ocean Discovery)

(Ingemar Lundgren/Ocean Discovery)

(Ingemar Lundgren/Ocean Discovery)

Continua a leggere…

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 414 follower