Vai al contenuto

Scoperta la città assira perduta di Mardaman

maggio 18, 2018
mardaman iraq città perduta impero assiro

Gli scavi di Mardaman. Nel XIII secolo a.C. l’impero assiro si estendeva su gran parte del nord della Mesopotamia e della Siria (Matthias Lang / Benjamin Glissmann, University of Tübingen eScience-Center)

92 tavolette cuneiformi hanno permesso di scoprire la città assira di Mardaman, la cui ubicazione era finora sconosciuta. Le tavolette erano state trovate l’anno scorso presso il villaggio di Bassetki, nel Kurdistan iracheno, in un sito archeologico ancora da identificare. La traduzione compiuta dalla filologa Betina Faist (Università di Heidelberg) ha confermato che si tratta di Mardaman, una capitale provinciale dell’impero assiro.

Leggi tutto…

Un tempio di Antonino Pio nell’oasi di Siwa

maggio 14, 2018
antonino pio egitto

(Egyptian Ministry of Antiquities via AP / Gtres)

Una missione archeologica egiziana ha scoperto le fondamenta di un grande tempio dell’epoca di Antonino Pio, imperatore romano tra il 138 e il 161 d.C.

Le rovine si trovavano nell’oasi di Siwa, nel deserto egiziano, presso il villaggio di al-Haj Ali e a 350 metri dal cimitero della città, la cosiddetta “Montagna dei Morti” (Gabal Al-Marwa).

Leggi tutto…

La preziosa sepoltura di una cavalla a Tombos, in Sudan

maggio 10, 2018
nubia sudan cavallo briglia ferro africa egizi

Lo scheletro della cavalla si trovava in un pozzo funerario a 1,6 metri di profondità (Purdue University)

Il ritrovamento di una rara sepoltura di cavalla dimostra l’importanza di questo animale nell’antica società kushita, il popolo che 3,000 anni fa abitava lungo la valle del Nilo in Nubia.

La cavalla era stata scoperta nel 2011 in una tomba piramidale di Tombos, una città fortificata dagli Egizi e che oggi si trova in Sudan. Un nuovo studio la ha datata al 949 a.C. circa, proprio quando il controllo dell’Egitto sulla Nubia veniva sostituito dal nascente Regno kushita di Napata.

Leggi tutto…

Una residenza del Regno Unito di Israele e Giuda

maggio 8, 2018
tel eton regno israele david salomone

Tel ‘Eton (Griffin Aerial Imaging)

La cosiddetta “residenza del governatore” nel sito archeologico di Tel ‘Eton, in Israele, è stata datata al radiocarbonio tra la fine dell’XI e il X secolo a.C. Risale dunque al Regno di Israele, un antico regno raccontato dalla Bibbia i cui sovrani più famosi furono Saul, Davide e Salomone.

La casa è molto grande e si trova nella parte più alta dell’insediamento. La sua struttura in quattro aree è tipica (ma non esclusiva) dell’antica società israelita.

Leggi tutto…

Nessuna camera segreta nella tomba di Tutankhamon

maggio 7, 2018

(Kenneth Garrett, National Geographic)

Una nuova indagine col georadar ha escluso definitivamente l’esistenza di stanze nascoste nella tomba del faraone Tutankhamon. La terza indagine geofisica della tomba, la più completa mai condotta finora, è stata diretta dal professor Francesco Porcelli del Politecnico di Torino.

L’idea che la tomba di 3.300 anni ospitasse una camera segreta, magari coi resti della regina Nefertiti, era stata avanzata nel 2015 dall’egittologo britannico Nicholas Reeves.

Leggi tutto…

Il mistero del massacro di Sandby Borg

maggio 6, 2018
sandy borg svezia impero romano occidente

L’estremità di una spada in argento dorato (Daniel Lindskog)

In Svezia gli archeologi hanno scoperto le eccezionali prove di un terribile massacro avvenuto alla fine del V secolo d.C., sulla costa dell’isola di Öland. Gli abitanti di un piccolo villaggio furono misteriosamente uccisi nelle loro case o in strada mentre provavano a fuggire.

I loro corpi vennero lasciati marcire sul posto e non vennero neanche presi gli oggetti preziosi che portavano con sé, tra i quali degli splendidi gioielli e alcune monete d’oro romane.

Leggi tutto…

Un cratere greco col mito di Edipo scoperto in Bulgaria

aprile 19, 2018
bulgaria grecia apollonia pontica cratere epido

(Pavlina Devlova)

Gli scavi dell’antica città di Apollonia Pontica, sulla costa bulgara del Mar Nero, hanno portato al ritrovamento di uno splendido vaso greco a figure rosse, utilizzato dai Greci per mescolare acqua e vino.

Il cratere è pressoché completo tranne per i due manici. Si tratta probabilmente della scoperta più importante effettuata l’anno scorso in questo sito, e viene oggi svelata al pubblico grazie a una mostra presso il Museo Archeologico Nazionale di Sofia.

Leggi tutto…