Vai al contenuto

I nuovi Patrimoni mondiali dell’umanità UNESCO 2018

agosto 10, 2018
tags:

Göbekli Tepe, in Turchia (N. Becke, DAI)

La 42° sessione del Comitato per il Patrimonio dell’Umanità, svoltasi a Manama (Bahrain) dal 24 Giugno al 4 Luglio, ha iscritto 19 nuovi siti nella lista dei Patrimoni mondiali dell’UNESCO. Un ulteriore sito già presente sulla lista è stato invece esteso. Le nuove iscrizioni portano a 1092 il numero dei beni protetti in 167 stati. L’Italia detiene il maggior numero di siti (54), seguita dalla Cina (53).

Quest’anno il Comitato era composto dai seguenti paesi: Angola, Australia, Azerbaijan, Bahrain, Bosnia ed Erzegovina, Brasile, Burkina Faso, Cina, Cuba, Guatemala, Ungheria, Indonesia, Kuwait, Kirghizistan, Norvegia, Saint Kitts e Nevis, Spagna, Tunisia, Uganda, Tanzania, Zimbabwe.

Leggi tutto…

Un orecchino d’oro ellenistico a Gerusalemme

agosto 9, 2018

Il pendente d’oro. Antilope o cervo? (Clara Amit, Israel Antiquities Authority)

Un orecchino d’oro, decorato con la testa di un’antilope o di un cervo, è apparso durante lo scavo di un edificio di epoca ellenistica a Gerusalemme, in Israele. L’orecchino, tanto spettacolare quanto eccezionale, è stato datato al III o II secolo a.C. – “un periodo affascinante di cui si sa poco di Gerusalemme”, affermano i direttori dello scavo Yuval Gadot (Università di Tel Aviv) e Yiftah Shalev (IAA).

Leggi tutto…

Una mano votiva di Giove Dolicheno scoperta a Vindolanda

luglio 25, 2018

(The Vindolanda Trust)

Una piccola mano di bronzo è stata scoperta nel forte romano di Vindolanda, nel nord dell’Inghilterra e vicino al Vallo di Adriano. La mano, di un realismo impressionante, è stata attribuita a Giove Dolicheno, un dio romano con tratti orientali e occidentali, il cui culto misterico fu molto popolare nell’Impero romano dal II alla metà del III secolo d.C.

Leggi tutto…

Un henge, un cursus e una tomba megalitica scoperti a Brú na Bóinne

luglio 24, 2018

Il nuovo henge è il quarto a essere scoperto vicino a Newgrange (Anthony Murphy and Ken Williams/Ireland National Monuments Service)

Nel sito preistorico di Brú na Bóinne, in Irlanda, gli archeologi hanno effettuato tre eccezionali scoperte: un monumento circolare noto come henge; un percorso cerimoniale chiamato cursus, e una tomba completa di pietre splendidamente incise con motivi neolitici. Patrimonio mondiale dell’UNESCO, Brú na Bóinne contiene uno dei paesaggi preistorici più importanti del mondo. È dominato da tre famose e grandi tombe a passaggio: Newgrange, Knowth and Dowth.

Leggi tutto…

3 corpi nel sarcofago di Alessandria

luglio 21, 2018

Il sarcofago è il più grande mai trovato ad Alessandria d’Egitto (Ministry of Antiquities)

Il misterioso sarcofago di granito nero da 30 tonnellate, scoperto ad Alessandria d’Egitto a inizio mese, è stato finalmente aperto dagli archeologi egiziani. Dentro vi erano tre mummie decomposte dai liquami, filtrati all’interno attraverso una fessura. «Il sarcofago è stato aperto, ma non siamo stati colpiti da alcuna maledizione», ha scherzato Mostafa Waziry, capo del Consiglio Supremo delle Antichità.

Leggi tutto…

Trovata la scultura di un re biblico?

giugno 14, 2018
re biblico israele

La statua del possibile re biblico, subito esposta nel Museo d’Israele di Gerusalemme (Ilan Ben Zion / AP Photo / Gtres)

Una scultura di 3000 anni fa si è rivelata un mistero per i ricercatori che non hanno idea di chi rappresenti. Alta 5 cm, è un esempio estremamente raro di arte figurativa della regione durante il IX secolo a.C., un periodo associato all’Antico Testamento. La scultura era stata scoperta nel 2017 in un sito chiamato Abel Beth Maacah, in Israele vicino al confine con il Libano. A parte un pezzo di barba mancante e il naso scheggiato, è in ottime condizioni e nulla di simile era mai stato trovato prima. La corona d’oro indica chiaramente un re, ma quale fosse esattamente rimane un mistero.

Leggi tutto…

Un elmo corinzio scoperto in Russia

giugno 13, 2018
elmo corinzio fanagoria russia

L’elmo è molto frammentato dopo aver trascorso circa 2500 anni sottoterra (Institute of Archaeology, Russian Academy of Sciences)

Un elmo di tipo “corinzio” è stato recuperato nella tomba di un guerriero greco nella penisola di Taman, a nord del Mar Nero e nel sud-ovest della Russia. Si trovava in una vasta necropoli del V secolo a.C., non lontana dall’antica città greca di Fanagoria. Realizzati in bronzo, gli elmi corinzi coprivano completamente la testa e il collo; le uniche fessure erano per gli occhi e la bocca, mentre l’interno era imbottito con tessuto o cuoio.

Leggi tutto…