Skip to content

Scoperte centinaia di scarpe nel forte romano di Vindolanda

ottobre 17, 2016
(Vindolanda Trust)

(Vindolanda Trust)

Nel forte romano di Vindolanda, oggi in Inghilterra, sono state scoperte nel corso dell’estate oltre 400 scarpe per uomini, donne e bambini, portando il totale delle scarpe rinvenute in questo sito a oltre 7.000. Gli archeologi hanno praticamente trovato tutti i tipi di calzature possibili.

Plausibilmente alcune delle scarpe appena scoperte appartenevano a una singola persona. Andrew Birley, CEO del Vindolanda Trust e direttore degli scavi, ha parlato di un «censimento incredibile e senza paralleli di una comunità in guerra. La quantità di calzature è fantastica, vista la sua grande diversità persino per un sito come Vindolanda, che ha conservato più scarpe romane che in qualunque altro luogo dell’impero».

Le calzature sono state trovate in un fossato difensivo, insieme a reperti di ceramica e resti di cani e gatti.

(Vindolanda Trust)

(Vindolanda Trust)

Un forte di truppe ausiliarie

Quasi 2.000 anni fa, l’esercito romano costruì uno dei più piccoli ma più difesi forti nel sito di Vindolanda, che oggi fa parte del sito UNESCO “Confini dell’Impero romano”. La piccola guarnigione di alcune centinaia di soldati e delle loro famiglie era protetta da una serie di fossati e bastioni, mentre fuori dalle mura infuriava una guerra tra le tribù britanniche e le forze romane. Finita la guerra (nel 212 d.C.), le truppe e i loro famigliari lasciarono il forte, e tutto quello che non poterono portare con sé, lo gettarono nei fossati. Questi rifiuti furono presto sigillati quando vennero costruiti una nuova città e un nuovo forte, preservando le macerie in un ambiente senza ossigeno.

Nel 2016, gli archeologi hanno scavato il fossato e scoperto un’incredibile capsula del tempo: tra le macerie c’erano degli scheletri di cane e gatto, ceramiche, cuoio e 421 scarpe romane. «Abbiamo tutti i tipi di scarpe, dalle ciabatte alla moda per le donne, agli stivali da marcia, scarpe per bambini, sandali, calzature per la casa o fuori», ha detto Birley. «Le scarpe sono ben conservate e rappresentano l’intera popolazione del forte, il che è sbalorditivo».

Le Predator “romane”

Il tesoro di scarpe dà anche un’indicazione sullo stile e la qualità delle calzature nel 212 d.C. Una in particolare ha fatto ricordare a molti le famose scarpe da calcio Predator dell’Adidas. Sonya Galloway, Communication Manager del Vindolanda Trust ha osservato che «la popolarità di questa singola scarpa ha donato una grande visibilità all’intera collezione. È un grande vantaggio che molti dei manufatti siano degli oggetti di tutti i giorni, cose che possiamo collegare al nostro modo di vivere. Il fatto che siano così ben preservati e abbiano quasi 2.000 anni è semplicemente straordinario».

«Questa scarpa romana era pensata per essere portata in casa, in modo da non portare dentro il fango», ha aggiunto Birley. «Offriva comfort e flessibilità, e la sua similitudine con le Predator dimostra che, sebbene i Romani non avessero il piacere di giocare a calcio, il buon design non ha tempo». Il fossato fa parte del forte del III secolo d.C. «Era un’epoca di conflitti, e le scarpe, che spaziavano da quelle per bambini e ragazzi e quelle per donne e uomini, mostrano che la guarnigione e le loro famiglie vivevano dentro il forte».

(Vindolanda Trust)

(Vindolanda Trust)

hsr_nec_01016shoes_5jpg

(North News Pictures Ltd)

(North News Pictures Ltd)

(North News Pictures Ltd)

(North News Pictures Ltd)

La raccolta fondi

Le scarpe sono attualmente conservate nel sito in una struttura riadattata alla quantità dei ritrovamenti. Barbara Birley, Trust’s Curator, ha dichiarato: «La quantità di calzature ha presentato alcune sfide al nostro laboratorio, ma con l’aiuto dei volontari abbiamo creato uno spazio specifico per la conservazione delle scarpe, e ora il processo è in corso.

Il Vindolanda Trust è impegnato negli scavi, nella conservazione e nell’esposizione dei suoi ritrovamenti, sebbene ogni scarpa costi tra le 80 e 100 sterline per la preservazione. Trovarne così tante quest’anno ha comportato dei costi aggiuntivi significativi al laboratorio». Alla luce di ciò, il Vindolanda Trust (organizzazione non a scopo di lucro e che non beneficia di alcun fondo esterno per gli scavi) ha lanciato una campagna per la raccolta fondi.

(Vindolanda Trust)

(Vindolanda Trust)

Vindolanda Trust

Chronicle Live

5 commenti leave one →
  1. Marco permalink
    ottobre 17, 2016 10:33 am

    Articolo Interessantissimo.

    Mi piace

  2. Luigi Rossi permalink
    ottobre 18, 2016 6:49 am

    Lo stato di conservazione dei reperti è davvero buono. Vindolandia: http://www.google.it/maps/place/Vindolandia/, http://www.google.it/maps/place/Hadrian's+Wall/ .

    Mi piace

  3. ottobre 20, 2016 11:54 am

    salve a tutti , sono bruno da viareggio. sono un grande appassionato di storia antica . il ritrovamento ha un che di affascinante … i romani erano all’avanguardia in tutto . solo cosi’ infatti si spiega il segreto dei loro successi.qualcuno mi potrebbe suggerire come aiutare la ricerca in sito a vindolanda ? grazie a tutti .

    Mi piace

  4. Il Fatto Storico permalink*
    ottobre 20, 2016 12:37 pm

    Buongiorno Bruno, a questo indirizzo puoi finanziare direttamente il restauro di una delle 421 scarpe romane. Garantiscono che il 100% dell’importo va al laboratorio e inviano un certificato. Per le donazioni generali c’è invece un banner sulla destra della pagina.

    Mi piace

  5. alessandro permalink
    ottobre 21, 2016 2:23 pm

    interessante articolo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: