Una straordinaria pietra minoica nella tomba del guerriero di Pilo

L’agata del combattimento di Pilo (CreditJeff Vanderpool/University of Cincinnati)

Il restauro di un oggetto scavato nella tomba del cosiddetto Guerriero del Grifone, nel sito di Pilo in Grecia, ha rivelato una pietra di agata finemente scolpita. Reca l’immagine di un combattimento tra un guerriero che trafigge un nemico con la spada, mentre un terzo giace a terra già sconfitto.

Gli archeologi Jack L. Davis e Sharon R. Stocker dell’Università di Cincinnati dicono che la pietra sia un capolavoro probabilmente importato dai Minoici dell’isola di Creta. L’uomo sepolto potrebbe essere stato un capo locale minoico, oppure un miceneo influenzato dalla cultura minoica, vissuto intorno al 1450 a.C.

Continua a leggere “Una straordinaria pietra minoica nella tomba del guerriero di Pilo”

Due tombe micenee scavate vicino a Nemea

L’ingresso della tomba sigillato da pietre irregolari (Ministero della Cultura Greco)

In Grecia sono state portate alla luce due nuove tombe a camera presso Aedonia, un sito a soli 10 km dalla famosa città di Nemea. Una tomba, già saccheggiata, è stata datata al Tardo periodo miceneo (1350-1200 a.C.). L’altra, intatta, risale al Primo periodo miceneo.

L’antico cimitero miceneo di Aedonia è costituito quasi esclusivamente da gruppi di tombe a camera. Le tombe sono scavate nella roccia e sono costituite da tre sezioni: il dromos, il corridoio che porta dalla superficie all’apertura sottoterra; lo stomio, l’ingresso della tomba sigillato da pietre irregolari; e la camera funeraria sotterranea.

Continua a leggere “Due tombe micenee scavate vicino a Nemea”

Una tomba micenea nel cuore di Salamina

(Ministero della cultura greco)

Una tomba a camera micenea risalente al XIII-XII secolo a.C. è stata scoperta nel centro della città principale dell’isola di Salamina, in Grecia, nel corso di lavori per la rete fognaria.

Ada Kattoula, archeologa presso l’Eforato delle Antichità dell’Attica occidentale, del Pireo e delle isole, ha dichiarato all’agenzia stampa ANA che si tratta della terza tomba rinvenuta in questa zona, dopo le due scoperte nel 2009 durante altri lavori sulla fognatura.

Questi ritrovamenti hanno portato alla scoperta di numerose offerte funerarie: 41 vasi di terracotta decorati intatti in ottime condizioni, oltre a un’altra decina di recipienti vari.

Continua a leggere “Una tomba micenea nel cuore di Salamina”

Nella tomba del guerriero di Pilo, gli anelli del potere

(Department of Classics/University of Cincinnati)
Uno dei sei pettini d’avorio rinvenuti (Department of Classics/University of Cincinnati)

Lo studio sull’eccezionale scoperta fatta un anno fa in Grecia – la tomba intatta di un guerriero a Pilo – ha ipotizzato che il ricchissimo corredo funerario potesse essere il prodotto di quella stessa comunità, e non un bottino razziato alla vicina isola di Creta.

In particolare, dicono gli archeologi, gli anelli d’oro erano anelli del potere, degli oggetti riservati solo ai governanti.

La tomba getta luce su un importante processo storico, l’estensione della cultura minoica dall’isola di Creta alla Grecia meridionale, dove formò le basi per la successiva civiltà micenea, la prima avanzata del continente europeo.

Continua a leggere “Nella tomba del guerriero di Pilo, gli anelli del potere”

Forse scoperto il palazzo perduto della Sparta micenea

Un rhytòn rinvenuto nel palazzo (Greek Culture of Ministry)
Un rhytòn rinvenuto nel palazzo (Greek Culture of Ministry)

Un antico palazzo greco pieno di manufatti e tavolette d’argilla potrebbe essere il palazzo a lungo perduto della Sparta micenea, una delle più famose civiltà dell’antica Grecia.

Il complesso di 10 stanze, chiamato Ayios Vassileios, conserva frammenti di pitture murali, una coppa con testa di toro, un sigillo decorato con un nautilo e diverse spade di bronzo. Il palazzo, che bruciò nel XIV secolo a.C., conteneva diverse tavolette scritte con la Lineare B, una forma arcaica della lingua greca.

Il palazzo si trova a circa 12 km dalla storica Sparta, che comunque fiorì secoli dopo.

La scoperta potrebbe gettare luce sulla fine della civiltà micenea, la cultura del Bronzo che misteriosamente scomparve verso il 1200 a.C. E potrebbe anche avere delle grandi implicazioni sulla formazione del sistema di scrittura della Lineare B. Continua a leggere “Forse scoperto il palazzo perduto della Sparta micenea”

Scavate due tombe micenee inviolate in Grecia

La quinta campagna di scavi presso Eghion, in Grecia, ha portato completamente alla luce due sepolture micenee intatte, databili tra il XV e il XIV secolo a.C., con corredi di ceramica e attrezzi in metallo, e una sorta di altare funerario sopra cui venne deposto un defunto.

I ritrovamenti sono avvenuti nel sito protostorico della Trapezà, durante l’esplorazione della necropoli di 3500 anni fa individuata dalla missione dell’Università di Udine negli anni scorsi.

(Università degli Studi di Udine)
(Università degli Studi di Udine)

Continua a leggere “Scavate due tombe micenee inviolate in Grecia”

Il più antico testo decifrabile d’Europa

Le incisioni su un frammento di una una tavoletta d’argilla rinvenuta in Grecia costituiscono il testo decifrabile più antico d’Europa, secondo una nuova ricerca. Considerata “magica o misteriosa” nell’antichità, la tavoletta si è conservata solo perché un mucchio di rifiuti prese fuoco circa 3.500 anni fa. Trovata in un uliveto nel luogo dove oggi si trova il paese di Iklaina, la tavoletta venne incisa da … Continua a leggere Il più antico testo decifrabile d’Europa

Scoperto un palazzo miceneo a Itaca

Odisseo, conosciuto dai Romani come Ulisse, ci mise dieci anni per tornare a Itaca dopo la caduta di Troia. Durante il suo viaggio fu per due volte naufrago e incontrò ciclopi, lo spirito di sua madre e allettanti sirene. A Itaca trovò invece la moglie, Penelope, contesa da una schiera di pretendenti che avevano invaso il palazzo reale. Con l’aiuto di suo padre Laerte e … Continua a leggere Scoperto un palazzo miceneo a Itaca