La grotta del dio giaguaro a Chichén Itzá

Guillermo de Anda (Karla Ortega, Proyecto Gran Acuífero Maya)

Una grotta intatta piena di offerte rituali maya è stata scoperta vicino alla famosa città di Chichen Itza, in Messico. Ci sono piatti, vasi e soprattutto bruciatori d’incenso dedicati a Tlaloc, il dio dell’acqua mesoamericano. È possibile che i Maya stessero cercando il favore degli dèi per far fronte a una grave siccità durante il periodo classico tardo e terminale (700-1000 d.C.). La grotta, già nota in passato ma dimenticata, deve il suo nome a Balamku, il “dio giaguaro” che poteva entrare o uscire dagli inferi.

Continua a leggere “La grotta del dio giaguaro a Chichén Itzá”

Il primo tempio del dio Xipe Tótec

(Melitón Tapia, INAH)

Gli archeologi messicani avrebbero scoperto il primo tempio dedicato a Xipe-Totec, un dio della fertilità preispanico raffigurato senza pelle, come un dio dorato, oppure con una seconda pelle umana. I recenti scavi in un sito della civiltà Popoloca hanno rinvenuto le sculture di un torace con una seconda pelle e due grossi teschi. Sono segni inconfondibili di Xipe-Totec, che in lingua nāhuatl significa “Nostro Signore lo Scorticato”.

Continua a leggere “Il primo tempio del dio Xipe Tótec”

108 petroglifi antichi scoperti in Messico

petroglifi messico la campana mesoamerica
(Ana María Jarquín, INAH)

Un totale di 108 incisioni rupestri di dimensioni, iconografie e civiltà diverse, che coprono un arco temporale di quasi 3000 anni, sono stati trovati dagli archeologi dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) nel sito archeologico di La Campana, presso la città di Colima, in Messico.

La scoperta rende La Campana non solo uno dei luoghi più ricchi di petroglifi, ma anche uno dei pochi con le tracce di tutte le fasi culturali della Mesoamerica, dal periodo Preclassico (1700 a.C.) al Postclassico (900 – 1521 d.C.).

Continua a leggere “108 petroglifi antichi scoperti in Messico”

Scoperto un tunnel pre-azteco sotto la Piramide della Luna

La Piramide della Luna e la piazza antistante con un gruppo di ricercatori (INAH)

Sotto la grande e maestosa Piramide della Luna, nell’antica città di Teotihuacán (oggi a 40 km da Città del Messico), gli archeologi hanno scoperto un tunnel segreto costruito verso il 100 a.C. dalla civiltà pre-azteca che qui abitava.

La Piramide della Luna è il secondo edificio più grande del sito dopo la Piramide del Sole (alte rispettivamente 43 e 65 metri). Si pensa che qui venissero effettuati sacrifici umani e altri riti sanguinosi, come suggeriscono i resti umani ritrovati.

Le immagini preliminari hanno delineato una galleria rettilinea a dieci metri di profondità, che va dal centro della piazza alla Piramide della Luna.

Continua a leggere “Scoperto un tunnel pre-azteco sotto la Piramide della Luna”

Scoperti un tempio e un campo da gioco aztechi a Tenochtitlán

tenochtitlan Ehecatl tempio
Il tempio di Ehécatl (Héctor Montaño, INAH)

I resti di un grande tempio azteco e di un campo per il gioco della palla sono stati scoperti a Città del Messico, vicino alla centrale piazza Zócalo. La moderna metropoli venne infatti edificata sopra l’antica capitale azteca, Tenochtitlan, conquistata dagli Spagnoli nel 1521.

Il tempio, dedicato al dio azteco del vento Ehecatl, era curiosamente di forma circolare e la sua parte superiore assomigliava forse a un serpente.

Sul campo cerimoniale per il gioco della palla è stata invece ritrovata un’offerta rituale davvero raccapricciante: un mucchio di vertebre di collo di giovani e bambini.

Continua a leggere “Scoperti un tempio e un campo da gioco aztechi a Tenochtitlán”

Resti umani e statuette di ceramica in una tomba preispanica intatta

(Rafael Platas, INAH)
(Rafael Platas, INAH)

Nel centro della città di Colima, sulla costa occidentale del Messico, è stata scoperta una tomba a fossa – una struttura sotterranea con ancora all’interno alcuni resti umani e delle statuette in ceramica, dice l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) del Messico.

La tomba, risalente a circa 1.700 anni fa, conteneva sparpagliati le ossa e i teschi di almeno dodici maschi adulti, più due sculture antropomorfe, una olla globulare e una ciotola, una scodella e un vaso. Le caratteristiche dei reperti di ceramica hanno consentito di determinare la datazione della tomba che, secondo l’archeologo Rafael Platas Ruiz, corrisponde alla fase di Comala (0-500 d.C.).

Continua a leggere “Resti umani e statuette di ceramica in una tomba preispanica intatta”

Scoperto un tempio dedicato a Ehécatl-Quetzalcóatl a Città del Messico

(Héctor Montaño, INAH)
(Héctor Montaño, INAH)

Un team di ricercatori dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH) ha scoperto un tempio dedicato a Ehécatl, una delle sembianze di Quetzalcoatl nonché dio del vento secondo la mitologia azteca, presente nelle brezze che portano la pioggia e nel soffio della vita.

Si trova all’interno di un grande sito cerimoniale nella città precolombiana di Tlatelolco, fondata dal Tlatelolcas su un’isolotto a nord ovest di Tenochtitlan, la capitale dell’impero azteco. L’attuale Città del Messico racchiude ormai entrambe le due città preispaniche.

Le rovine del tempio erano apparse per la prima volta nel 2014 a circa tre metri di profondità, dopo la demolizione di un supermercato.

Continua a leggere “Scoperto un tempio dedicato a Ehécatl-Quetzalcóatl a Città del Messico”

Scoperto un nuovo manoscritto mixteco nel Codice Selden

(Journal of Archaeological Sciences Reports, 2016 Elsevier)
(Journal of Archaeological Sciences Reports, 2016 Elsevier)

I ricercatori della Biblioteca Bodleiana dell’Università di Oxford, e di due università dei Paesi Bassi, hanno usato delle tecnologie avanzate di imaging iperspettrale per scoprire i dettagli di un raro codice messicano risalente a prima della colonizzazione delle Americhe.

Il codice appena svelato era rimasto nascosto per quasi 500 anni, nascosto sotto a uno strato di gesso sul quale era stato successivamente scritto un manoscritto noto come il Codice Selden, conservato presso la Biblioteca Bodleiana. Gli scienziati hanno usato le immagini iperspettrali per rivelare le scene pittografiche di questo notevole documento e hanno pubblicato le loro scoperte sul Journal of Archaeological Science: Reports.

Continua a leggere “Scoperto un nuovo manoscritto mixteco nel Codice Selden”

Scoperto un canale sotto il Tempio delle Iscrizioni di Palenque

(INAH)
(INAH)

Nel sito Maya di Palenque, in Messico, gli archeologi hanno scoperto un canale d’acqua sotterraneo costruito sotto il Tempio delle Iscrizioni, il monumento funebre che ospita l’antico re maya Pacal.

Secondo l’archeologo Arnoldo Gonzalez, la tomba e la piramide sarebbero state costruite di proposito sopra una fonte d’acqua, tra il 683 e il 702 d.C. Il tunnel portava acqua da sotto la camera funeraria fino all’ampia spianata davanti al tempio, dando quindi allo spirito di Pacal un cammino verso il mondo ultraterreno.

Continua a leggere “Scoperto un canale sotto il Tempio delle Iscrizioni di Palenque”

Un misterioso tunnel sotto il Templo Mayor

Il sito del Templo Mayor (AP Photo/Eduardo Verdugo)
Il sito del Templo Mayor (AP Photo/Eduardo Verdugo)

In Messico, un team di archeologi ha scoperto un passaggio sotterraneo che apparentemente conduce a due camere sigillate, nell’ultimo capitolo di una ricerca della tomba di un sovrano azteco finora mai trovata.

Nel 2011, in questo luogo era già stata scoperta una piattaforma cerimoniale grande 15 metri e ornata di teste di serpente. Gli storici pensano che proprio qui gli Aztechi cremassero i resti dei loro re, durante il regno 1325-1521, ma un luogo in cui le ceneri venivano custodite non è mai stato trovato.

Questo tunnel potrebbe finalmente svelare il mistero. Continua a leggere “Un misterioso tunnel sotto il Templo Mayor”

Piante medicinali nei giardini Maya

Tajonal, della famiglia delle Asteraceae (INAH)
Tajonal, della famiglia delle Asteraceae (INAH)

Nel sito archeologico di Uxmal, in Messico, i ricercatori dell’INAH hanno scoperto un numero insolitamente alto di piante medicinali nei giardini del Palazzo del Governatore.

Il direttore del sito José Huchim Herrera ha spiegato che la concentrazione di tali piante, circa 150 specie, era così alta nella zona sacra rispetto ai campi circostanti, da pensare che i Maya avessero intenzionalmente creato una sorta di giardino medicinale. Continua a leggere “Piante medicinali nei giardini Maya”

Scoperta una piattaforma cerimoniale azteca

Gli archeologi hanno scoperto una piattaforma cerimoniale azteca, ornata da sculture in pietra di teste di serpente, tra le rovine del Templo Mayor, il tempio principale di Tenochtitlan (attuale Città del Messico), capitale dell’impero azteco. Non è mai stata trovata una tomba di un re azteco e in questo sito gli archeologi la cercano da cinque anni. Il Templo Mayor è un complesso di due enormi piramidi … Continua a leggere Scoperta una piattaforma cerimoniale azteca