Skip to content

Un tesoro di 41 monete d’oro del Tardo Impero Romano scoperto nei Paesi Bassi

giugno 3, 2017
tardo impero romano monete Lienden

Le monete di Lienden (Rob Reijnen)

Gli archeologi hanno fatto una scoperta eccezionale nella città di Lienden, nei Paesi Bassi: ben 41 monete d’oro risalenti al Tardo Impero romano.

Il tesoro sarebbe stato sepolto da un capo militare franco nella seconda metà del V secolo d.C., quando l’area faceva ancora parte dell’Impero romano d’Occidente, solo pochi anni prima della sua fine nel 476 d.C.

La moneta più recente porta l’effige di Maggioriano, uno degli ultimi imperatori romani, che regnò dal 457 fino alla sua morte nel 461. «Su tale base riteniamo che questo tesoro sia stato sepolto intorno al 460», ha detto Nico Roymans, professore di archeologia presso la Vrije Universiteit di Amsterdam.

Maggioriano moneta solido impero romano

Il solido con l’immagine di Maggioriano (Valkhof Museum Nijmegen)

Il ritrovamento è avvenuto grazie ad alcuni archeologi dilettanti che, armati di metal detector, avevano indagato un frutteto in un campo privato e che dopo la scoperta hanno avvisato le autorità. Gli scopritori e il proprietario del terreno hanno gentilmente rinunciato alla collezione lasciandola in prestito permanente al Museo Valkhof di Nimega, che da venerdì li espone al pubblico.

Secondo Roymans, probabilmente i Romani pagarono con questi solidi d’oro un capo militare franco in cambio del loro aiuto contro altre tribù germaniche nemiche. È possibile che il pagamento sia stato fatto da Egidio stesso, il magister militum per Gallias di Maggioriano. Ed è curioso notare come proprio in quegli anni (463), Egidio riuscì a sconfiggere i Visigoti nella battaglia di Orléans grazie all’aiuto dei Franchi, guidati dal loro re Childerico, salito al potere nel 458.

In quegli anni l’imperatore Maggioriano stava cercando di ripristinare l’autorità romana a nord delle Alpi. Fu un abile comandante, ma il tentativo fallì, e quindici anni dopo la fine del suo regno l’ultimo imperatore romano d’Occidente venne deposto. Negli anni successivi il potere nella regione passò nelle mani di Childerico e della sua dinastia merovingia, la famiglia reale dei Franchi, uno dei numerosi popoli germanici occidentali.

Nel luogo di ritrovamento delle monete vi era un tumulo funerario dell’Età del Bronzo che conosciamo grazie ad alcune mappe del XIX secolo. Forse il proprietario aveva intenzione di tornare qui e prenderle: «Il tumulo funerario sarebbe stato facile da trovare in epoca tardo-romana e forse per questo motivo il tesoro venne nascosto qui», ha detto Roymans. «Questa scoperta è inusuale poiché risale a un periodo molto tardo», ha detto Stephan Mols, docente di archeologia presso la Radboud Universiteit di Nimega. Ma abbiamo sempre più testimonianze che qui i Romani cercassero aiuto e reclutassero soldati.

Nella conferenza stampa al museo Valkhof, gli archeologi Stijn Heeren, Nico Roymans e Jos Bazelmans hanno sottolineato l’importanza della scoperta per quanto riguarda il passaggio nei Paesi Bassi dall’autorità romana all’Alto Medioevo.

solidi impero romano maggioriano

(Valkhof Museum Nijmegen)

Il luogo del ritrovamento (Valkhof Museum Nijmegen)

Ritrovamenti di monete d’oro del Tardo Impero romano nei Paesi Bassi e dintorni

La conferenza stampa di Nico Roymans (Valkhof Museum Nijmegen)

Tabella col numero di monete rinvenute per imperatore

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

(Rob Reijnen)

Dutch News

NWO

Vrije Universiteit

Museo Het Valkhof

NRC

tardo impero romano monete Lienden

Le monete di Lienden (Rob Reijnen)

2 commenti leave one →
  1. Giovanni Lorusso permalink
    giugno 4, 2017 5:18 am

    Da buon appassionato di monete e francobolli, 😀 resto senza parole.

    Mi piace

  2. Cashh permalink
    giugno 4, 2017 11:18 am

    E’ una porta sempre aperta…fino a pochi anni fa , ogni appezzamento di terra venduto nelle zone di Aquileia recava nel rogito notarile ” ..l’appezzamento viene ceduto senza il tesoro sepolto …”, memori della fuga delle popopolazioni locali alla venuta dei barbari nei V e VI secolo d.c.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: