Skip to content

I nuovi patrimoni dell’umanità 2012

luglio 8, 2012
tags:

Lo scorso 6 luglio è terminata la 36′ sessione del Comitato per il Patrimonio dell’Umanità, che si è conclusa con l’iscrizione di 26 nuovi siti nella Lista dei patrimoni dell’umanità. Per la prima volta sono presenti Chad, Congo, Palau e Palestina.

L’unica candidatura presentata dall’Italia – I paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato – è stata bocciata.

Sono 962 i siti nella lista: 745 culturali, 188 naturali, e 29 misti, il tutto diviso in 157 stati.

Gli stati membri del Comitato di quest’anno erano: Algeria, Cambogia, Colombia, Estonia, Etiopia, Francia, Germania, India, Iraq, Giappone, Malesia, Mali, Messico, Qatar, Russia, Senegal, Serbia, Sudafrica, Svizzera, Thailandia, Emirati Arabi Uniti.

In giallo i siti culturali, in verde quelli naturali, in rosso quelli in pericolo (UNESCO)

I nuovi siti culturali:

Patrimonio archeologico della Valle di Lenggong (Malesia)

(Scavi a Gua Gunung Runtuh, Lenggong, University of Science Malaysia)

(Department of National Heritage)

Paese Bassari: paesaggi culturali Bassari, Fulani e Bedik (Senegal)

(Sébastien Moriset)

(Sébastien Moriset)

Luogo della nascita di Gesù: la Basilica della Natività e la Via del Pellegrinaggio, Betlemme (Palestina)

(UNESCO)

(UNESCO)

La città-presidio di frontiera di Elvas e le sue fortificazioni (Portogallo)

(Municipality of Elvas)

Il Forte di Graça (Municipality of Elvas)

Gonbad-e Qabus (Iran)

(wikipedia)

Il paesaggio di Grand Pré (Canada)

(Jamie Robertson)

(Parks Canada Agency)

Teatro dell’Opera margraviale di Bayreuth (Germania)

(Bavarian Department for State-owned Palaces, Gardens and Lakes, BSV)

(Bavarian Department for State-owned Palaces, Gardens and Lakes, BSV)

Masjed-e Jāmé di Esfahan (Iran)

(Nomination Files, MJIB)

(Nomination Files, MJIB)

Sito neolitico di Çatalhöyük (Turchia)

(wikipedia)

La ‘Dea Madre’ seduta, con accanto due leonesse (wikipedia)

Bacino minerario del Nord-Passo di Calais (Francia)

(Hubert Bouvet, Région Nord-Pas de Calais, 2012)

(Hubert Bouvet, Région Nord-Pas de Calais, 2012)

Rabat, capitale moderna e città storica: un’eredità condivisa (Marocco)

(UNESCO)

(UNESCO)

Sito di Xanadu (Cina)

(Zhenglan Qi Administration of Cultural Heritage of the site of Xanadu City, Xilingol Meng, Inner Mongolia Autonomous Region)

(Zhenglan Qi Administration of Cultural Heritage of the site of Xanadu City, Xilingol Meng, Inner Mongolia Autonomous Region)

Sito dell’evoluzione umana presso il Monte Carmelo: le grotte di Nahal Me’arot/Wadi el-Mughara (Israele)

(Albatross Aerial Photography LTD)

(R. Liberty-Shalev)

Paesaggio culturale di Bali: il sistema Subak come manifestazione della filosofia Tri Hita Karana (Indonesia)

(Ministry of Education and Culture of Indonesia)

(Ministry of Education and Culture of Indonesia)

Le case coloniche decorate di Hälsingland (Svezia)

(Frederic Boukari)

(Frederic Boukari)

Patrimonio del mercurio: Almadén ed Idria (Slovenia e Spagna)

(F. Javier Carrasco)

(Idrija Mercury Mine)

Città storica di Grand-Bassam (Costa d’Avorio)

(Ministère de la Culture et de la Francophonie du Côte d’Ivoire)

Principali siti minerari della Vallonia (Belgio)

(SPW-Département du Patrimoine, Belgique)

(SPW-Département du Patrimoine, Belgique)

La raccolta delle perle, testimonianza dell’economia di un’isola (Bahrain)

(Herb Stovel)

(Iván Rosales)

Rio de Janeiro, paesaggi Carioca tra la montagna e il mare (Brasile)

(Ruy Salaverry)

(Ruy Salaverry)

I siti naturali:

Sangha Trinational (Cameroon, Repubblica Centrafricana, Congo)

(Karin von Loebenstein)

La catena montuosa dei Ghati occidentali (India)

(Thangaraj Panner Selvam)

(G. Sai Prakash)

Sito fossile di Chengjiang (Cina)

(Chengjiang Fossil National Geopark Management Committee)

(Chengjiang Fossil National Geopark Management Committee)

Laghi di Ounianga (Chad)

(Sven Oehm)

(Sven Oehm)

Parco naturale dei Pilastri del Lena (Russia)

(PENTA Ltd. Publishing House)

(PENTA Ltd. Publishing House)

Siti misti:

Laguna meridionale delle Rock Islands (Palau)

(Patrick Colin)

(Geoffrey Clark)

Nella “Danger list” (la lista dei siti in pericolo) sono stati aggiunti il Luogo della nascita di Gesù (Palestina), la Tomba di Askia e Timbuktu (Mali), Liverpool, città mercantile marittima (UK) e Fortificazioni caraibiche di Panamá: Portobelo-San Lorenzo (Panama).

Due siti sono stati invece rimossi dalla lista grazie al successo della loro conservazione: Fortezza e Giardini Shalamar a Lahore (Pakistan) e Terrazzamenti di Banaue nella Cordigliera filippina (Filippine).

UNESCO (qui, qui e qui)

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: