Skip to content

19 oggetti rubati dalla tomba di Tutankhamon tornano in Egitto

novembre 24, 2010

Gli egittologi al Metropolitan Museum of Art di New York hanno identificato 19 piccoli gioielli e statuette che erano stati presi illegalmente dalla tomba di Tutankhamon ed erano finiti nella collezione del museo agli inizi del secolo scorso.

I manufatti sono 15 “pezzi e campioni (bit and samples)” e quattro reperti di interesse storico-artistico significativo. Tra questi vi sono una statuetta di bronzo di un cane e una sfinge di lapislazzuli – una pietra preziosa – oltre alla parte di un manico (handle) e a un collare.

(Metropolitan Museum of Art)

(Metropolitan Museum of Art)

Dopo un’approfondita indagine sulla storia dei reperti, gli esperti del museo hanno concluso che “senza dubbio provengono dalla tomba di Tutankhamon”: erano stati documentati durante gli scavi ma non apparivano in alcuna fotografia.

“A causa della precisa legislazione riguardo quello scavo, questi oggetti non avrebbero mai dovuto lasciare l’Egitto, e perciò dovrebbero spettare di diritto al governo egiziano”, ha detto il direttore del Metropolitan Museum Thomas P. Campbell.

Prima di rimpatriare, però, gli oggetti verranno esposti fino a gennaio nella mostra su Tutankhamon a Times Square, e successivamente al Metropolitan Museum of Art per altri sei mesi. Al ritorno in Egitto verrà dato loro un posto speciale nel Museo Egizio del Cairo e infine verranno spostati, insieme al resto della collezione di Tutankhamon, nel nuovo Museo Egizio a Giza.

Ricostruzione del collare di perline di faience appartenuto a Tutankhamon (Metropolitan Museum of Art)

Già nel 1978 l’allora direttore del Metropolitan Museum, Thomas Hoving, scriveva nel suo libro “Tutankhamun: The Untold Story” che Howard Carter, lo scopritore della tomba, rubò degli oggetti dal sito e li rivendette in segreto al suo museo.

Carter riferì che il 26 novembre del 1922 lui e altri tre colleghi (tra i quali Lord Carnarvon, l’uomo che finanziò lo scavo) guardarono nella tomba di Tutankhamon attraverso un buco, videro “cose meravigliose” e poi richiusero il buco in attesa dell’arrivo delle autorità egiziane, come richiesto dalla legge.

Secondo Hoving le cose andarono però diversamente. Carter e Carnavon non aspettarono le autorità, ma cercarono segretamente le camere interne della tomba, si misero in tasca diversi oggetti e richiusero il buco. È “uno dei segreti meglio tenuti nella storia dell’egittologia”, scrisse.

All’epoca il governo egiziano permetteva agli scavatori di tenersi una parte sostanziale dei ritrovamenti dagli scavi intrapresi e finanziati da loro. Invece, durante il decennio che ci mise il team di Carter a recuperare le migliaia di oggetti dalla tomba di Tutankhamon, divenne sempre più chiaro che non ci sarebbe stata alcuna spartizione.

Presto cominciarono a circolare varie teorie di importanti manufatti, dell’epoca di Tutankhamon e facenti parte di collezioni al di fuori dell’Egitto, che in realtà provengono dalla tomba del faraone.

Tali ipotesi si sono intensificate dopo la morte di Carter nel 1939, quando un certo numero di manufatti antichi fu ritrovato proprio nella sua tenuta. Tra questi figurano la maggior parte dei 19 oggetti in questione, che finirono in eredità al Metropolitan Museum poiché lo stesso Carter gleli volle lasciare in eredità la sua casa di Luxor.

Al momento dell’acquisizione, tuttavia, tutti i reperti vennero esaminati approfonditamente da esperti e rappresentanti del governo egiziano; nella maggioranza dei casi anche successive ricerche non avevano evidenziato una provenienza dalla tomba di Tutankhamon.

Fonti: SCA, Metropolitan Museum of Art di New York, Discovery.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: