Vai al contenuto

Una nuova iscrizione trilingue sulla tomba di Dario il Grande

febbraio 7, 2019

L’iscrizione sopra il bassorilievo di un nobile persiano (M.A. Mosallanezhad)

In Iran, vicino a Persepoli, è stata scoperta una breve iscrizione cuneiforme sulla tomba di Dario I, re della dinastia achemenide di Persia dal 522 al 486 a.C. Cita un nobile persiano legato a Dario, il cui nome è purtroppo andato perduto. L’iscrizione è in tre lingue: persiano antico, elamitico e babilonese.

La tomba di Naqsh-e Rostam, scavata nella roccia (M.A. Mosallanezhad)

L’iscrizione è stata scoperta su un bassorilievo nella parte superiore destra della tomba reale di Dario I, nel sito archeologico di Naqsh-e Rostam. «Nel 2001, una squadra della Parsa Pasargadae Research Foundation aveva rimosso lo sporco e i licheni che coprivano un’iscrizione che si pensava fosse già nota agli investigatori. Così, il 23 ottobre 2018, l’archeologo Mojtaba Doroodi e il fotografo professionista M.A. Mosallanezhad erano andati a Naqsh-e Rostam per una documentazione fotografica e l’hanno scoperta. «L’iscrizione non era mai stata registrata finora», racconta Doroudi. «L’ho vista casualmente mentre scattavo fotografie della zona: il testo parla di una delle figure di spicco della corte achemenide e della Persia antica, finora mai menzionata nella storia».

Il testo cuneiforme è in tre lingue ed è scritto su quattro linee: le prime due sono in persiano antico, la terza in lingua elamita achemenide e la quarta in lingua babilonica achemenide», spiega a National Geographic Soheil Delshad (Università libera di Berlino). L’iscrizione è collegata alla figura scultorea barbuta e senza armi appena sotto. «Non sappiamo chi fosse perché l’inizio dell’iscrizione, che conteneva il nome del personaggio, è molto danneggiato ed eroso. Tuttavia si è conservata l’ultima parte del suo titolo: Patishorian. Questo titolo si trova anche proprio sul lato opposto nel bassorilievo di Gobria, uno dei sei nobili persiani che aiutarono Dario a salire sul trono. La figura a destra è pertanto un altro Patishorian che non conoscevamo», dice Delshad.

«L’iscrizione è importante dal punto di vista linguistico (nuovi verbi nelle tre lingue antiche) e dal punto di vista storico (la comparsa di un altro Patishorian senza armatura). L’interpretazione dei verbi è una grande sfida perché non ve n’è alcuna traccia nel corpus delle Iscrizioni reali achemenidi». L’iscrizione è stata registrata come DNf: “D” per il nome del sovrano Dario, “N” è l’iniziale del sito di Naqsh-e Rostam, e “f” perché finora l’elenco era arrivato a DNe. Un’edizione commentata da parte di Doroodi e Delshad sarà presto pubblicata sulla rivista online ARTA.

(M.A. Mosallanezhad)

(M.A. Mosallanezhad)

Mojtaba Doroodi e M.A. Mosallanezhad (M.A. Mosallanezhad)

Doroodi, Mosallanezhad e Delshad (M.A. Mosallanezhad)

National Geographic

Tehran Times

Imna

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: