Skip to content

Una mummia coperta di tatuaggi

maggio 16, 2016
Il tatuaggio sul collo, con due babbuini e un Occhio di Horus (Anne Austin)

Il tatuaggio sul collo, con due babbuini e un occhio di Horus (Anne Austin)

Uno studio pubblicato sulla rivista Nature, ha riportato la scoperta di numerosi tatuaggi di veri e propri oggetti su una donna mummificata 3.000 anni fa. Il risultato della ricerca della bioarcheologa Anne Austin (Università di Stanford) è raro, poiché la maggior parte dei tatuaggi scoperti sulle mummie egizie sono dei semplici punti e linee.

Usando l’illuminazione e i sensori ad infrarossi, Austin e il suo team hanno documentato oltre 30 tatuaggi, forse dei simboli sacri. Molti dei disegni – che includono fiori di loto sulle anche, mucche sul braccio sinistro, babbuini sul collo, e occhi di Horus su collo, spalle e schiena – sono associate alla dea Hathor.

Sguardo penetrante

Tra i nuovi tatuaggi spiccano in particolare i cosiddetti occhi di Horus, forse dei simboli di protezione contro il male, che adornano collo, spalle e schiena della mummia.

«Da qualunque angolo si guardi questa donna, si vedono un paio di occhi divini che ti guardano», dice Anne Austin, che ha presentato i risultati lo scorso mese al meeting dell’American Association of Physical Anthropologists.

Austin aveva notato i tatuaggi mentre esaminava le mummie per conto dell’Istituto Francese di Archeologia Orientale, che conduce una ricerca a Deir el-Medina, un villaggio degli artigiani che lavoravano alle tombe nella vicina Valle dei Re. Guardando un torso senza testa e senza braccia, risalente tra il 1.300 e il 1.070 a.C., Austin aveva notato i segni sul collo. All’inizio aveva pensato che fossero stati dipinti sopra, ma presto aveva realizzato che erano tatuaggi.

La mummia risale tra il 1300 e il 1070 a.C. (Anne Austin)

La mummia risale tra il 1300 e il 1070 a.C. (Anne Austin)

Poteri magici

Con l’aiuto di illuminazione e sensori ad infrarossi, Austin ha determinato che la mummia di Deir el-Medina vanta oltre 30 tatuaggi. Alcuni erano addirittura invisibili a occhio nudo per via della pelle troppo scurita dalle resine usate nella mummificazione. Austin e Cédric Gobeil, direttore della missione francese a Deir el-Medina, hanno allungato digitalmente le immagini per bilanciare la distorsione dovuta alla pelle raggrinzita della mummia.

I tatuaggi finora identificati testimoniano un potente significato religioso. Molti, come le mucche, sono associate alla dea Hathor, una delle divinità più di rilievo dell’antico Egitto. I simboli su gola e braccia potrebbero aver donato alla donna una quantità di potere magico mentre cantava o suonava della musica durante i rituali per Hathor.

I tatuaggi potrebbero anche essere stati un’espressione pubblica della devozione della donna, dice Emily Teeter, egittologa presso l’Istituto Orientale in Illinois dell’Università di Chicago. «Finora non conoscevamo questa forma di espressione», dice Teeter, aggiungendo che lei e altri egittologi sono rimasti sbalorditi quando hanno saputo della scoperta.

Alcuni tatuaggi sono più sbiaditi di altri, quindi forse alcuni furono fatti in tempi diversi. È possibile che lo status religioso della donna crebbe con l’età, dice Austin.

(Anne Austin)

Il tatuaggio di due mucche (Anne Austin)

Storie nascoste

Austin aveva già trovato altre tre mummie tatuate a Deir el-Medina, e spera che le moderne tecnologie potranno scoprirne di nuove altrove. L’archeologa sostiene che la dimensione dei disegni, molti dei quali non visibili dalla donna, implica che fossero più che delle semplici decorazioni.

L’applicazione di questi tatuaggi «richiese molto tempo, e in alcune aree del corpo sarebbe stata estremamente dolorosa», dice Austin. Che la donna si fosse sottoposta all’ago così spesso mostra «non solo lei credeva nella loro importanza, ma che anche gli altri».

L'antropologa Ghada Darwish Al-Khafif usa immagini a infrarosso per esaminare la schiena (Anne Austin)

L’antropologa Ghada Darwish Al-Khafif usa immagini ad infrarossi per esaminare la schiena (Anne Austin)

Poiché la pelle della mummia è deformata e ricoperta di resina, è difficile vedere molti tatuaggi ad occhio nudo, come queste mucche di Hathor (Anne Austin)

Poiché la pelle della mummia è deformata e ricoperta di resina, è difficile vedere molti tatuaggi ad occhio nudo, come queste mucche di Hathor (Anne Austin)

Nature

2 commenti leave one →
  1. Enrico Ferri permalink
    maggio 16, 2016 7:17 am

    non trovo la cosa per niente strana visto che anche l’Uomo del Similaun che è del 3000 A.C. aveva sul corpo numerosi tatuaggi. Mi sembra di ricordare inoltre che analoghi tatuaggi siano stati trovati su mummie rinvenute nell’area della Cina occidentale.

    Mi piace

  2. Liutprand permalink
    maggio 19, 2016 11:01 am

    Più di 30 tatuaggi?
    L’origine di certi look dei nostri giorni si perde nella notte dei tempi !

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: