Skip to content

La magia nera rivelata in due antiche maledizioni

giugno 12, 2012
tags:

Risalenti a un’epoca in cui la magia nera era relativamente comune, una ricercatrice spagnola ha due decifrato due maledizioni lanciate contro un senatore romano e un veterinario.

Entrambe le maledizioni presentano la raffigurazione di una divinità con dei serpenti come capelli, forse la dea greca Ecate. Scritti su sottili tavolette di piombo da persone diverse durante il tardo Impero Romano, circa 1600 anni fa, i testi sono prevalentemente in latino e contengono invocazioni in greco.

Entrambe le tavolette sono state riscoperte nel 2009 presso il Museo Civico Archeologico di Bologna: sebbene gli studiosi non conoscano con certezza la loro provenienza, sanno chi erano le vittime delle maledizioni.

Ecate? (Museo Archeologico Civico di Bologna)

Una delle maledizioni si rivolge a un senatore romano di nome Fistus e sembra essere l’unico esempio noto di un senatore maledetto. L’altra maledizione si rivolge a un veterinario di nome Porcello.

Celia Sánchez Natalías, dottoranda presso l’Università di Saragozza, spiega che Porcello era probabilmente il suo nome vero: “Nel mondo delle maledizioni, una delle cose che dovete fare è cercare di identificare la vittima in un modo molto, molto, esatto”. Non è chiaro chi abbia maledetto Porcello e perché. “Forse un cavallo o un animale di questa persona era stato ucciso da una medicina di Porcello”, ha detto Sánchez Natalías.

La maledizione a Porcello (Museo Archeologico Civico di Bologna)

(Museo Archeologico Civico di Bologna)

“Distruggi, annienta, uccidi, strangola Porcello e sua moglie Maurilla. La loro anima, cuore, natiche, fegato …” si legge sulla tavoletta, che mostra un Porcello mummificato, braccia conserte (come la divinità) e il suo nome scritto su entrambe le braccia.

Il fatto che sia la divinità sia Porcello abbiano le braccia incrociate è importante. Sánchez Natalías ritiene che l’incantesimo costrinse la divinità e, quindi Porcello, a essere vincolati. “Questo confronto può essere inteso in due modi: o ‘proprio come la divinità è legata, così sarà Porcello’ oppure ‘fino a quando Porcello sarà legato la divinità rimarrà legata”, scrive in sulla rivista Zeitschrift für Papyrologie und Epigraphik.

In questa maledizione a Fistus, una stella a otto punte copre i genitali della divinità (Museo Archeologico Civico di Bologna)

(Museo Archeologico Civico di Bologna)

Anche il caso di Fistus è notevole. L’espressione latina per “annientare” (crush) è utilizzata almeno quattro volte nella maledizione. “Annienta, uccidi il senatore Fistus”, si legge, “Possa Fistus diluirsi (dilute), languire, affondare e possano tutte le sue membra dissolversi…”

Anche in questo caso Sánchez Natalías non è sicura delle motivazioni che stanno dietro la maledizione, ma, qualunque fossero, certi attacchi erano dei colpi bassi anche rispetto agli standard dei politici di oggi.

Live Science

2 commenti leave one →
  1. ellaneivicolipersa permalink
    giugno 22, 2012 5:46 pm

    Il termine “diluirsi” mi rocorda un pò un’antichissima maledizione nella quale si pregava il dio o la dea di distruggere il proprio nemico per mezzo della consunzione…

    Mi piace

  2. DomenicoC permalink
    giugno 25, 2012 9:28 am

    Di solito queste lastre di piombo (tabellae defixionum) erano incise a sgraffio, ripiegate su se stesse e gettate nelle tombe per essere affidate alle anime dei morti; di solito si trattava di testi, richieste, invocazioni di carattere magico, di maledizioni per l’appunto (defixiones). Il morto in questo caso era l’intermediario per intercedere presso la divinità e magari agire per “distruggere” Porcello nelle intenzioni dell’autore della maledizione. Sarebbe interessante chiarire la provenienza di queste tavolette.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: