Skip to content

I magazzini navali al Wadi Gawasis e la Terra di Punt

aprile 18, 2011

Gli scavi al Wadi Gawasis, in Egitto, condotti dall’archeologa Kathryn Bard (Università di Boston) e dall’italiano Rodolfo Fattovich (Università l’Orientale di Napoli) continuano a portare alla luce nuove testimonianze archeologiche dei viaggi egizi verso la Terra di Punt.

Dal 2004, la spedizione ha cominciato a scoprire una serie di grotte sotterranee scavate dall’uomo, dei magazzini collegati tra di loro dove sono stati trovati pezzi di navi, ancore e anche i resti di una fune.

(Cinzia Perlingieri)

Parte di una nave scoperta a Wadi Gawasis (C. Ward - U. of Naples L Orientale / Boston U. Wadi Gawasis Proj.)

I resti di una ascia (U. of Naples L Orientale / Boston U. Wadi Gawasis Proj.)

Frammenti di legno datati all inizio della XII dinastia (U. of Naples L Orientale / Boston U. Wadi Gawasis Proj.)

Lo scorso 29 dicembre è stata localizzata l’ottava grotta, forse risalente a più di 4000 anni, al cui interno sono stati rinvenuti altre parti di navi, giare e geroglifici.

Secondo una teoria basata su dati archelogici, gli Egizi costruivano le loro navi sulle rive del Nilo, vicino all’antica Gebtu (odierna Qift), utilizzando del legname proveniente dalle montagne del Libano.

“Le navi venivano smontate e trasportate, con tutte le vettovaglie, attraverso il deserto sul dorso degli asini, un viaggio di 10 giorni” per raggiungere il Wadi Gawasis, dice Bard. All’epoca questo sito dava su una laguna dove i resti del porto sono ancora visibili con le immagini satellitari. Da qui partivano i viaggi verso la terra di Punt, così costosi e impegnativi (probabilmente coinvolgevano migliaia di lavoratori, scribi, quartiermastri, marinai e animali da soma) che verosimilmente ne venivano fatti poche volte al secolo.

(Javier Zarracina/Globe staff)

L iscrizione su questa stele rinvenuta al Wadi Gawasis menziona due spedizioni a Punt e Bia-Punt durante il regno di Amenemhat III, della XII dinastia (ajaonline.org)

Ad oggi, l’esatta localizzazione della terra di Punt rimane un mistero.

Le possibili localizzazioni del Paese di Punt (Heritage-Key)

Fonte: The Boston Globe.

One Comment leave one →
  1. novembre 21, 2017 2:25 pm

    scrivo qui per la prima volta, mi interesso di archeologia da tempo, per caso ho aperto file sulla terra di Punt, e subito ho attivato l’interesse per una località da me indagata molto prima, perchè ovunque nel mondo, indago l’archeologia attraverso la geografia. Perciò trasmetto questa mia opinione. Per ricostruire la navigazione fluviale dell’antico Egitto, si deve cercare un antico canale egizio sepolto, che si trova in coincidenza tra alcuni Wadi prosciugati, che si trovano tra la località di Halwan-Mazqhua sul Nilo e la località Ain Sokhnau sul Mar Rosso. Tutta l’area è più depressa dei dintorni e vi sono visibili segni di ex wadi che sono consecutivi su questa direzione, facendo presagire che in antico vi fu un canale navigabile egiziano per passare dal Nilo (Mediterraneo) al Mar Rosso e terra di Punt.
    Grazie per l’attenzione, cordialmente Giordani Roberto Milano

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: