Un tunnel inesplorato sotto il Tempio di Quetzalcoatl

12 metri sotto il Tempio di Quetzalcoatl (Teotihuacan, Messico), gli archeologi hanno scoperto un antico tunnel che porta a un sistema di gallerie.

Il Tempio di Quetzalcoatl, noto anche come la Piramide del Serpente con le piume (wiki)

La speranza è che queste gallerie siano le tombe dei sovrani di Teotihuacan. “A lungo gli archeologi locali e stranieri hanno cercato di localizzare le tombe dei sovrani dell’antica città, ma la ricerca è stata infruttuosa”, dice il direttore del progetto Sergio Chaves Gomez. “Ecco perchè ogni giorno aumentano le nostre speranze, in quanto ci sono molte possibilità che essi si trovino all’interno di una grande tomba”.

(INAH)
(INAH)

Al tunnel vi si accede tramite un condotto verticale largo quasi 5 x 5 metri e profondo 14. Al termine di questo si entra in un corridoio orizzontale lungo circa 100 metri che si estende verso il tempio e porta a una serie di gallerie tagliate nella roccia – forse, delle tombe.

L’entrata del passaggio è situato a soli pochi metri dal tempio stesso (DerMikelele/flickr)
Il condotto verticale (DerMikelele/flickr)
(INAH)
(INAH)

Attualmente mancano ancora due metri da scavare prima di raggiungere il pavimento del tunnel. L’ingresso in quel corridoio potrebbe avvenire fra due mesi, quando il condotto verticale sarà completamente scavato.

Il condotto verticale (INAH)
L’archeologo Sergio Gomez (INAH)
(INAH)
(INAH)

Inoltre, finora sono quasi 60000 i frammenti di manufatti ad essere stati recuperati.

Materiale utilizzato per la chiusura del tunnel (INAH)

Per la verità, l’esistenza del tunnel era già stata intuita nel 2003 da Sergio Gomez e Julie Gazzola, ma ci sono voluti anni per pianificare l’esplorazione e raccogliere i fondi, prima che lo scorso anno potessero cominciare finalmente i lavori.

Nel frattempo, i rilevamenti col georadar e coi laser a scansione (o laser scanner) avevano generato immagini 3D che delineavano la lunghezza del tunnel e anche la presenza delle camere tagliate nella roccia.

Un’immagine del tunnel generata al computer (INAH)

Non si sa quando e perchè il tunnel sia stato chiuso, tuttavia “diverse indicazioni suggeriscono che l’accesso al passaggio sotterraneo venne chiuso tra il 200 e il 250 d.C., probabilmente dopo avervi depositato qualcosa dentro”, dice Gomez.

La città di Teotihuacan si estendeva per oltre 83 km² e al suo apice, verso l’inizio del 1′ millennio d.C., ospitava quasi 250000 persone. Contiene anche alcune delle più grandi piramidi pre-colombiane del Nuovo Mondo.

Fonti: Heritage-Key, INAH (qui e qui).

Aggiornamento: L’INAH ha pubblicato le prime immagini dentro il tunnel.

6 pensieri su “Un tunnel inesplorato sotto il Tempio di Quetzalcoatl

    1. Ciao Franco. Dal 2010 gli archeologi hanno scavato molto. Nel 2013 sono state scoperte alla fine due camere (chiamate Camera Nord e Camera Sud), piene di centinaia di sfere misteriose.
      Nel 2014, i ricercatori hanno trovato migliaia di oggetti, tra cui statuette, palle di gomma, oggetti di giada del Guatemala e una scatola di legno contenente conchiglie. Tuttavia non sono stati scoperti corpi.
      Nel 2015 invece, è stato trovato del misterioso mercurio liquido.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...