Rassegna stampa archeologica/19

È stato trovato un misterioso muro di pietra nel centro di Times Square, a Manhattan.

Misterioso perchè non si sa bene a cosa servisse e a che periodo appartenga.

Verrà preservato per le future generazioni.

(Ruth Fremson/The New York Times)

***

Gli scienziati continuano a scavare e a studiare i 71 scheletri scoperti in un cimitero di 3000 anni a Vanuatu, un arcipelago dell’Oceano Pacifico. Sessanta di loro sono senza testa e diversi loro arti vennero rotti in modo da farli entrare nelle cavità della barriera corallina.

(Mads Ravn/University of Stavanger)

***

È stata scoperta una elaborata tomba di 740 m² nel villaggio di Xigaoxue, vicino all’antica città di Anyang, nella provincia di Henan (Cina); molto probabilmente appartenne a Cao Cao (155-220), una figura di spicco durante il periodo dei Tre Regni.

L’archeologo Pan Wenbin afferma: “Abbiamo trovato una lapide di giada rastremata, un indicatore del livello della tomba. Solo le tombe degli imperatori contengono tali oggetti funebri. Anche le iscrizioni sulla lapide suggeriscono che il proprietario potesse essere Cáo Cāo”.

La tomba era stata scoperta circa un anno fa, ma solo grazie a delle tavolette di pietra recanti iscrizioni “Imperatore Wu di Wei” si è ora riusciti a capire di chi si trattasse. Con lui erano conservate circa 250 reliquie e sepolte anche due donne – forse sua moglie e la sua amante.

Il passaggio di 40 metri che porta alla sala sotterranea (english.cctv.com)
(Getty Images)
(english.cctv.com)

***

Nel cimitero preistorico vicino al villaggio di Armadale, sull’isola di Skye (Scozia), dove erano già state trovate sei tombe (vedi qui), è stata scoperta una settima tomba. Quest’ultima sarebbe la più antica e potrebbe essere datata all’Antica Età del Bronzo (3300 – 2000 a.C.).

La cista conteneva una singola sepoltura insieme a tre punte di freccia e due coltelli in selce ben preservati.

***

Da tempo girano voci su di un tesoro nascosto nelle fondamenta di un ponte sul corso d’acqua di Tavor, nella valle di Jezreel (Israele). Gli scavi abusivi hanno quasi fatto cedere l’intera costruzione.

I lavori per le riparazioni sono già cominciati e, nello stupore generale, è stata trovata una misteriosa nicchia fatta di piastre di calcestruzzo.

Non è chiaro quale fosse il suo scopo ma, più che per contenere il decantato oro ottomano, pare che venne costruita dagli inglesi – forse come deposito di munizioni o magari come luogo dove piazzare esplosivi per far saltare il ponte in caso di necessità.

Un pensiero su “Rassegna stampa archeologica/19

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...