Vai al contenuto

La tavola periodica più antica del mondo

gennaio 25, 2019

La tavola periodica di 134 anni (Università di St. Andrews)

Gli studiosi ritengono di aver scoperto il più antico esemplare di una tavola periodica degli elementi. Era stato trovato nel 2014 nel dipartimento di chimica dell’Università di St. Andrews, in Scozia, durante la pulizia di un magazzino. Il grafico degli elementi risale al 1885, una decina di anni dopo la presentazione della relazione sulla periodicità da parte del grande scienziato russo Dmitrij Mendeleev.

Tavola per insegnare

Il foglio era stato rinvenuto dal dottor Alan Aitken in un magazzino pieno di prodotti chimici e apparecchiature di laboratorio, in uso sin dall’apertura del dipartimento di chimica nel 1968. Utilizzato per l’insegnamento, era stato infilato in una pila di fogli arrotolati. Il chimico russo Dmitrij Mendeleev presentò la sua famosa relazione L’interdipendenza fra le proprietà dei pesi atomici degli elementi alla Società Chimica Russa nel 1869. La tavola di St. Andrews è simile, ma non identica, alla seconda tavola di Mendeleev del 1871.

Gallio, scandio e germanio

La tavola è annotata in tedesco e un’iscrizione in basso a sinistra – “Verlag v. Lenoir & Forster, Wien” – identifica una tipografia scientifica che operò a Vienna tra il 1875 e il 1888. Un’altra iscrizione – “Lith. von Ant. Hartinger & Sohn, Wien ‘- identifica il litografo del grafico, morto nel 1890. Basandosi sugli elementi rappresentati, il professor Eric Scerri (Università della California), esperto di storia della tavola periodica, ha datato la tavola tra il 1879 e il 1886: sono presenti sia il gallio sia lo scandio, scoperti rispettivamente nel 1875 e nel 1879, mentre non c’è il germanio, scoperto nel 1886.

La datazione

Gli archivi dell’università riportano l’acquisto di una tavola periodica prodotta nel 1885 a Vienna. Venne comprata nell’ottobre del 1888 per conto del professore di chimica Thomas Purdie. La voce segnala un costo di tre marchi, inseriti nelle spese per la classe di chimica della sessione 1888-1889. Si tratta dunque di uno dei primi esemplari della tavola e forse l’unico sopravvissuto di questo periodo in tutta Europa.

Restauro completo

Il foglio era molto fragile, e il suo formato arrotolato e il pesante sostegno di lino hanno contribuito alla sua cattiva condizione. Un restauro sovvenzionato dal National Manuscripts Conservation Trust ha rimosso lo sporco superficiale e separato la carta dal suo supporto. «La tavola sarà consultabile dai ricercatori», ha dichiarato il professor David O’Hagan, ex capo del dipartimento di chimica. «Abbiamo programmato una serie di eventi per il 2019, che è stato designato dalle Nazioni Unite l’anno internazionale della tavola periodica, in coincidenza con il 150° anniversario della creazione di Dmitri Mendeleev».

Trattamento di conservazione (Università di St. Andrews)

The Scotsman

Università di St. Andrews

One Comment leave one →
  1. Marco Bacchi permalink
    gennaio 26, 2019 7:20 pm

    Notizia interessante e di grande novità 😊come è bello poter corrispondere anche dopo tanto tempo al suo ritrovamento a questi appassionati studiosi di un tempo e onorare la loro memoria ed il loro stile bdi serio lavoro., grazie a il fatto storico ., aspettiamo novità buona sera.

    Mi piace

Rispondi a Marco Bacchi Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: