Skip to content

Re Riccardo III è stato finalmente sepolto a Leicester

marzo 29, 2015

Riccardo III, il sovrano inglese morto in battaglia oltre 500 anni fa, ha trovato finalmente degna sepoltura all’interno di una nuova tomba in pietra calcarea nella cattedrale di Leicester, nell’Inghilterra centrale.

In molti, tra curiosi e studiosi hanno reso omaggio al Plantageneto. Le sue ossa erano state ritrovate nel 2012 sotto un parcheggio di Leicester e identificate dalla locale università. Si trovavano lì da dopo la Battaglia di Bosworth Field, dove nel 1485 il sovrano aveva perso la vita e la sua casata, gli York, era così uscita sconfitta dalla Guerra delle Due Rose. Era stato seppellito, non certo in pompa magna, sotto una chiesa poi rasa al suolo.

(Getty Images)

(Getty Images)

La cerimonia

Riccardo III fu l’ultimo re inglese a morire in battaglia. Descritto da Shakespeare come sadico, un furbo gobbo, Riccardo è stato reinterrato nella Cattedrale di Leicester circa 530 anni dopo la Battaglia di Bosworth, il 22 agosto 1485. In seguito alla sua morte, il suo corpo nudo fu gettato sul dorso di un cavallo, portato fino alla vicina Leicester e sepolto in una modesta tomba.

La cerimonia tenutasi gli ha invece conferito l’onore che il vincitore della battaglia Enrico Tudor, futuro Enrico VII d’Inghilterra, gli negò.

“Il reinterramento di re Riccardo III è un evento di grande importanza, nazionale e internazionale”, ha detto la regina Elisabetta in un messaggio. “La scoperta dei suoi resti a Leicester è stata descritta come uno dei ritrovamenti archeologici più significativi nella storia del paese”.

(Getty Images)

(Getty Images)

(PA)

(PA)

(PA)

(PA)

(PA)

(PA)

Nonostante abbia regnato solo 777 giorni, Riccardo III affascina non solo gli storici ma anche le persone comuni in tutto il mondo, alcune delle quali sono venute in Inghilterra per assistere alla cerimonia. “Sembra un eroe per alcuni, e un criminale per altri”, ha scritto David Monteith, il decano di Leicester.

Tra gli ospiti vi erano l’arcivescovo di Canterbury Justin Welby e vari reali, inclusi il cugino della regina, il Duca di Gloucester, che ha posto il libro di preghiere personale di Riccardo nella bara.

L’attore Benedict Cumberbatch – lui stesso identificato come secondo cugino, di sedicesimo grado del defunto re – ha letto una poesia di Dame Carol Ann Duffy, Poeta Laureato, intitolata “Riccardo”.

Sophie, contessa di Wessex saluta (da destra) il vescovo di Leicester Tim Stephens e il decano di Leicester David Monteith (newsteam)

Sophie, contessa di Wessex saluta (da destra) il vescovo di Leicester Tim Stephens e il decano di Leicester David Monteith (newsteam)

Il Duca e la Duchessa di Gloucester (PA)

Il Duca e la Duchessa di Gloucester (PA)

L'attore Benedict Cumberbatch (PA)

L’attore Benedict Cumberbatch (PA)

La guerra delle rose

La morte di Riccardo, l’ultimo re plantageneto, ha segnato la fine della Guerra delle Rose tra le Case rivali di York e Lancaster. Riccardo, re di Inghilterra, signore d’Irlanda e pretendente al trono di Francia, aveva solo 32 anni.

Secondo la leggenda locale, il suo corpo venne esumato e gettato in un fiume vicino, e la bara usata come mangiatoia per cavalli. Tuttavia, dopo anni di ricerca da parte della sceneggiatrice Philippa Langley, i suoi resti sono stati finalmente trovati nel 2012 sotto un parcheggio.

Domenica, circa 35.000 persone hanno assistito a Leicester quando la sua bara, fatta da un discendente il cui DNA ha aiutato a identificare il corpo, è stata portata nella cattedrale su carro funebre trainato da un cavallo. I funerali e le celebrazioni solenni si sono conclusi cinque giorni dopo.

(AFP, Getty Images)

(AFP, Getty Images)

Alcuni negozi espongono nelle vetrine le immagini del sovrano (AFP, Getty Images)

Alcuni negozi espongono nelle vetrine le immagini del sovrano (AFP, Getty Images)

Membri dell'Università di Leicester posano rose bianche sulla bara (Getty Images)

Membri dell’Università di Leicester posano rose bianche sulla bara (Getty Images)

(Getty Images)

(Getty Images)

Cerimonia al Bosworth Battlefield Heritage Centre (Getty Images)

Cerimonia al Bosworth Battlefield Heritage Centre (Getty Images)

La reputazione infame di Riccardo proviene in parte dalla rappresentazione che Shakespeare fa di lui: un tiranno deforme responsabile di uno dei più noti crimini nella storia inglese, l’uccisione dei suoi giovani nipoti, “i Principi nella Torre”.

Phil Stone, presidente della Richard III society, le cui campagne respingono quelle che crede siano bugie della propaganda Tudor, ha detto che il re ha ottenuto il degno addio che meritava. “È il culmine di ciò a cui stavamo lavorando”, ha detto.

La corona funeraria deposta nella tomba, commissionata e donata da John Ashdown-Hill

La corona funeraria deposta nella tomba, commissionata e donata da John Ashdown-Hill

(PA)

(PA)

La statua del re (Getty Images)

La statua del re (Getty Images)

(Getty Images)

(Getty Images)

Reuters

ANSA

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: