Skip to content

Scoperta una donna egizia con 70 extension

ottobre 5, 2014

Oltre 3.300 anni fa, nell’antica città di Akhetaton in Egitto, venne sepolta una donna con un’acconciatura incredibilmente elaborata, completa di numerose extension.

Non fu mummificata: il suo corpo venne semplicemente avvolto in un tessuto. “Portava un’acconciatura molto complessa con circa 70 extension”, scrive Jolanda Bos, archeologa per l’Amarna Project, sul Journal of Egyptian Archaeology.

Non si conosce il nome della donna, ma è una delle centinaia di persone, molte delle quali conservano ancora la capigliatura, che furono sepolte in un cimitero vicino a quella che oggi si chiama Amarna.

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

“Una delle questioni principali della ricerca è capire se la donna avesse questa acconciatura per la sepoltura o anche prima”, dice Bos. “I capelli furono probabilmente acconciati dopo la morte, prima della sepoltura. È anche probabile, tuttavia, che questi tagli fossero utilizzati anche nella vita di ogni giorno”.

Molti altri corpi analizzati da Bos avevano delle extension. Un individuo aveva extension di capelli grigi e neri, suggerendo che delle persone donassero i loro capelli per crearle.

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

Su una selezione di 100 teschi recentemente scavati nel cimitero di Amarna, 28 avevano ancora i capelli e una ampia varietà di acconciature. Andavano dai “capelli neri molto ricci al castano liscio”, il che “potrebbe riflettere un grado di variazione etnica”.

I teschi con capelli castani avevano anelli o crocchie intorno alle orecchie, uno stile apparentemente popolare ad Amarna. Perché piacesse alle persone di questa città non si sa.

Gli abitanti di Amarna portavano anche le trecce. “Tutte le trecce nelle acconciature erano semplici e di tre ciocche, principalmente larghe 1 cm, oppure 0.5 quando intrecciate strette”, scrive Bos.

Le trecce non erano d’altronde neanche troppo lunghe: “Di solito non raggiungevano i 20 cm di lunghezza, lasciando i capelli più o meno sulle spalle”, aggiunge Bos. “I capelli più lunghi trovati erano delle extension in più strati lunghe 30 cm”.

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

(Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

Il grasso veniva utilizzato per tenere i capelli in un blocco solo dopo la morte. Le prossime ricerche verificheranno anche l’origine di questo materiale. Un tessuto trovato su tutti i teschi potrebbe essere stato usato per coprire parte della testa.

In un caso, una donna aveva un colore rosso-arancione sui suoi capelli grigi. Sembra che si fosse tinta, forse con l’henné, “per la stessa ragione per cui le persone oggi si tingono i capelli, per non far vedere il grigio”.

L'archeologa Jolanda Bos (Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

L’archeologa Jolanda Bos (Jolanda Bos and Lonneke Beukenholdt)

LiveScience

One Comment leave one →
  1. ottobre 17, 2014 12:47 pm

    Forse questa è una prova vera che esistono i viaggiatori nel tempo . Solo nei nostri tempi ci sono cose del genere e quindi deve avere viaggiato nel tempo .

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: