Skip to content

I resti di uno tzompantli a Città del Messico

gennaio 8, 2014

Il prolungamento della metropolitana di città del Messico ha portato al ritrovamento di numerose sepolture, statue e altri ritrovamenti.

Uno in particolare però ha catturato l’attenzione degli archeologi. Quattro teschi orientati a sud-ovest formavano chiaramente parte di uno tzompantli, una sorta di intelaiatura in legno usata per l’esposizione pubblica di teschi umani, normalmente quelli di prigionieri di guerra o di vittime sacrificali.

(INAH)

(INAH)

(INAH)

(INAH)

Uno tzompantli dal manoscritto conosciuto come Codice Ramírez (wikimedia)

Uno tzompantli dal manoscritto conosciuto come Codice Ramírez (wikimedia)

I reperti sono stati datati al tardo periodo post classico (1350-1521 d.C.). Curiosamente, uno dei teschi apparteneva a un canide, qualcosa mai riscontrato prima in relazione a questo tipo di altare. I cani erano spesso associati ai riti funerari dato che erano soliti accompagnare il morto sulla via del mondo ultraterreno. “Sappiamo che durante la conquista venivano posti in queste strutture i teschi dei cavalli, ma non quelli dei cani”, dice l’archeologa María de Jesús Sánchez riferendosi ai resoconti dei conquistadores spagnoli. “Ci mancano informazioni, e forse da qualche parte i cani erano associati a questi santuari e non ne abbiamo trovati. Attualmente ci sono solo due tzompantli conosciuti a città del Messico, a Tlatelolco e al Templo Mayor”.

Uno dei teschi apparteneva una donna tra i 18 e i 22 anni, mentre i maschi avevano uno tra i 25 ai 35 anni e l’altro intorno ai 35. Tutti i teschi avevano un buco nella tempia: da lì sarebbero stati impalati con un bastone di legno, che tuttavia a un certo punto venne rimosso lasciandoli solo come offerte in quell’area.

Il cranio della donna è significativo. I segni di una deformazione cranica indicano che facesse parte di una élite, e i tzompantli venivano utilizzati principalmente per mostrare le teste dei prigionieri come trofei di guerra.

Altri ritrovamenti (INAH)

Altri ritrovamenti nell’area (INAH)

(INAH)

(INAH)

(INAH)

(INAH)

INAH

Past Horizons

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: