Skip to content

Identificato il batterio della Peste nera

ottobre 13, 2011
tags:

Il batterio responsabile della Peste nera, uno degli eventi più catastrofici nella storia umana costato la vita a circa un terzo degli europei in pochi anni, è stato identificato grazie alla collaborazione tra l’Università di Tubinga, in Germania, e l’Università di McMaster, in Canada.

Utilizzando una nuova tecnica, gli scienziati Hendrik Poinar, Kirsti Bos e Johannes Krause hanno scoperto che fu un’ormai estinta versione della Yersinia pestis a causare l’epidemia che fece 30-50 milioni di morti tra il 1347 e il 1353.

(McMaster University)

Yersinia pestis (wikipedia)

“La Morte nera è senza dubbio uno degli esempi più drammatici delle malattie emergenti o riemergenti”, dice Poinar, notando che il suo studio suggerisce che questa sia stata la seconda di tre pandemie, cominciate con la peste di Giustiniano nel 541 d.C. e culminata con la pandemia moderna del XX secolo.

Fino a poco tempo fa non era certo che il batterio Yersinia pestis fosse il responsabile della Peste nera. Precedenti test genetici che indicavano tale batterio presente nei campioni medievali erano stati respinti poiché ritenuti contaminati dal DNA moderno o da quello dei batteri nel terreno. Ma soprattutto, se ne dubitava perché l’agente patogeno della peste moderna si diffonde molto più lentamente ed è meno letale della peste medievale – anche tenendo conto della medicina moderna.

Questo studio è finalmente riuscito a spiegare per la prima volta il mistero. Utilizzando una nuova tecnica per analizzare il DNA, i ricercatori hanno recuperato l’intera sequenza di uno dei plasmidi (pPCP1) che codifica i fattori di virulenza. I dati preliminari suggeriscono che l’agente patogeno della Morte nera potrebbe essere una variante ora estinta dello Yersinia pestis. Il batterio doveva essere particolarmente virulento nel 1348, dal momento che agiva sui geni che facilitano la trasmissione provocata dai morsi di pulce, favorendo la proliferazione batterica nel sistema respiratorio durante gli attacchi di polmonite.

Il campione è stato ottenuto grazie a 109 scheletri sepolti in un cimitero vicino a Londra. Il dott. Johannes Krause, che ha guidato il gruppo di ricerca e noto per altri sequenziamenti di DNA di hominini, dice: “Senza dubbio l’agente patogeno della peste conosciuta oggi come Yersinia pestis è stato anche la causa della peste nel Medioevo.

“Il nostro prossimo obiettivo – dice Poinar – è quello di sequenziare il DNA intero, e sono fiducioso che questa nuova tecnica porterà a risposte che cambieranno la nostra comprensione della storia della peste e il nostro concetto di malattie emergenti e riemergenti”.

Università di McMaster

Università di Tubinga

Proceedings of the National Academy of Sciences

Nature

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: