Skip to content

I più antichi fossili di uomini moderni del sud-est d’Europa

luglio 2, 2011

Dei resti umani scoperti in Ucraina rappresentano alcune delle più antiche testimonianze degli uomini moderni nel sud-est d’Europa, nonché le loro prime tracce in un contesto archeologico ben documentato.

Nella grotta di Buran-Kaya sono state trovate ossa e denti umani, utensili, ornamenti d’avorio e resti animali datati col radiocarbonio a 32.000 anni fa.

I fossili portano dei segni da taglio che gli esperti hanno identificato come rituale post-mortem di scarnificazione.

La grotta di Buran-Kaya III (plosone.org)

(plosone.org)

L’archeologo Alexander Yanevich dell’Accademia Nazionale Ucraina delle Scienze di Kiev ha scoperto le quattro caverne di Buran-Kaya nelle montagne della Crimea nel 1991.

Da allora, nel sito sono stati rinvenuti 162 frammenti di ossa umane, ornamenti d’avorio, numerosi resti di antilopi, volpi e lepri e dei manufatti espressione della cultura gravettiana.

Gli ornamenti d'avorio (plosone.org)

Una cosa che incuriosito i ricercatori è stato che quasi tutte le ossa umane sono costituite da vertebre, denti e ossa del cranio non più grandi di 12 cm, mentre le ossa lunghe (le ossa degli arti) sono scarse.

Per di più, le ossa umane e quelle animali, entrambe scarnificate, presentano segni da taglio in posizioni differenti.

E mentre il midollo osseo era stato rimosso dagli animali macellati, era stato lasciato nel caso dei resti umani, ha spiegato il co-autore dello studio pubblicato su PLoS One, Prat Sandrine del CNRS di Parigi. La ricercatrice sospetta che ciò dimostri l’esistenza di un qualche rituale di “pulizia”.

(L. Crépin – S. Prat / MNHN - CNRS)

Le scoperte offrono agli antropologi indizi preziosi su una cultura antichissima e molto importante, dice il professor Clive Finlayson, direttore del Museo di Gibilterra.

“La cultura Gravettiana è la cultura che definisce gli esseri umani moderni. Queste persone avevano coltelli, utensili leggeri, campi all’aperto, usavano ossa di mammut per fare le tende”.

Finlayson dice che effettuare scoperte di questa cultura in Ucraina dà peso all’idea che i primi uomini moderni si diffusero in Europa dalle pianure russe, non attraverso i Balcani e il Medio Oriente. Antecedenti al sito ucraino vi sono, infatti, solo un sito rumeno (34.000 anni) e un sito russo (33.000 anni), mentre quelli dell’Europa occidentale sono più recenti.

Conclude Finlayson: “Quello che mi ha emozionato è che abbiamo trovato tracce di esseri umani dove mi aspettavo che fossero, consumo di cibi che mi aspettavo mangiassero”.

BBC

CNRS

PLoS One

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: