Vai al contenuto

La nuova barca solare del faraone

luglio 1, 2011

Ai piedi delle piramidi di Giza gli archeologi hanno scoperto una nuova “barca solare”, sorella della cosiddetta barca di Cheope, rinvenuta e ricostruita diversi anni fa.

Per anni si è ritenuto che la seconda barca fosse troppo fragile per essere riportata alla luce. Ma secondo gli esperti, oggi ci sono le condizioni per farlo. “Se è così fragile, significa che dobbiamo salvarla adesso”, dice l’archeologo Zahi Hawass.

La barca di Cheope (Amr Nabil, AP)

Gli archeologi del team nippo-egiziano stanno esaminando i frammenti di legno di cedro che costituiscono l’imbarcazione, ma il responsabile dell’operazione preferisce non rivelarne i dettagli: “È un segreto”, dice Sakuji Yoshimura dell’università giapponese di Waseda. “Il reperto non è mai stato toccato, quindi va esaminato scientificamente”.

Una lastra di calcare di varie tonnellate, rimasta intonsa per secoli, viene rimossa per riportare alla luce la nuova barca solare (Khalil Hamra, AP)

Sotto la lastra si trovano centinaia di fragili frammenti di legno, che verranno trasportati all’interno di una tensostruttura eretta sul sito nel 2008 dall’atmosfera controllata.

Una volta terminato il lungo lavoro di estrazione del pezzi, ci vorranno alcuni anni per ricomporre la barca, che andrà a fare compagnia alla “barca di Cheope”, lunga 43 metri, custodita nell’apposito museo a Giza. Gli studiosi ritengono che la nuova barca sia leggermente più piccola di quella già ricostruita.

Le barche solari avevano un ruolo importante nella mitologia egizia dell’aldilà. Gli antichi ritenevano che ogni notte, il dio del Sole, Ra, navigasse come Ra-Atum su una barca attraverso l’aldilà per battersi contro dei e bestie mitologiche, finché non sorgeva come Sole del mattino – Ra-Horakhty – e navigasse sulla barca diurna attraverso il cielo.

Le barche, sepolte accanto alla Grande Piramide, dovevano servire ai viaggi nell’aldilà del faraone Cheope (Khufu).

L'incisione sulla parete di un tempio ad Abydos, in Egitto, mostra una barca solare che salpa nel cielo all'alba. Questo genere di rappresentazioni hanno probabilmente ispirato il design della barche solari rinvenute a Giza (Kenneth Garrett, National Geographic)

I rematori sulla barca probabilmente rappresentano un mezzo utilizzato da Ra, sostiene Hawass,  explorer-in-residence di National Geographic.

L’archeologo è convinto inoltre che le barche non siano mai state utilizzate da Cheope per navigare realmente sul Nilo, come invece sostengono alcuni.

Una lastra di calcare viene sollevata per aprire la camera sotterranea che contiene la seconda barca solare (Consiglio Supremo per le Antichità Egizie)

Anche la barca di Cheope, scoperta nel 1954, venne sepolta in vari pezzi in un pozzo profondo una trentina di metri, e venne ricostruita nell’arco di 13 anni. Dal 1982 la barca di Cheope è esposta in un museo, creato appositamente a fianco della Grande Piramide, progettato dall’architetto italiano Franco Minissi.

Una rara immagine colta nel 1987 da una minuscola fotocamera di National Geographic mostra la barca che si sta riportando alla luce nella camera sotterranea vicino alla Grande Piramide di Giza (Claude E. Petrone, National Geographic)

I ricercatori guidati da Youshimura fecero lo stesso nel 2008 per esaminare le condizioni del legno. Da allora, fino al recente scavo, la camera è rimasta perfettamente sigillata nel timore che l’aria o gli insetti potessero danneggiare le assi di legno.

National Geographic

MSA

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: