Skip to content

I Rotoli del Mar Morto vennero prodotti a Qumran

luglio 6, 2010

Uno studio dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) eseguito sui Rotoli (o Manoscritti) del Mar Morto ha stabilito che la pergamena di pelle di cammello di cui sono fatti i 900 documenti sarebbe stata prodotta proprio nel luogo in cui sono stati trovati: vicino alle rovine dell’antico insediamento di Khirbet Qumran, sulla riva nord-occidentale del Mar Morto.

Una grotta di Qumran (wiki)

Foto scattata dalle grotte di Qumran; in lontananza il Mar Morto e la costa giordana (wiki)

(wiki)

La scoperta è frutto dell’uso incrociato di un nuovo sistema di analisi, il XPIXE (X-ray and Particle Induced X-ray Emission), brevettato proprio dall’INFN, e dell’acceleratore di particelle “Tandem” in funzione negli stessi laboratori di Catania.

(ANSA)

In particolare, sono risultate compatibili le concentrazioni di cromo e bromo delle acque del Mar Morto e di quelle delle pergamene (che per la realizzazione richiedevano molta acqua).

Il fisico che ha condotto la ricerca, Giuseppe Pappalardo, spiega: “I residui di bromo che abbiamo trovato nei campioni analizzati sono compatibili con la composizione delle acque di quella zona, che contengono una quantità di bromo tre volte superiore a quella di qualunque altro mare. Si tratta di uno studio ancora in fase preliminare, ma ci sono buone probabilità che l’origine sia quella”.

Per la precisione, ad essere studiati – in modo non distruttivo – sono stati solo sette piccoli frammenti del Rotolo del Tempio, “perchè sapevamo”, dice Pappalardo, “che gli esami sarebbero stati più facili, erano campioni più puliti”.

(ANSA)

Il Rotolo del Tempio, il più lungo dei Rotoli del Mar Morto (la Repubblica)

I Rotoli del Mar Morto sono un insieme di manoscritti rinvenuti tra il 1947 e il 1956 nei pressi del Mar Morto (e non solo nelle undici grotte di Qumran, come scrive la Repubblica). Vennero scritti tra il 200 – 100 a.C. e il 60-70 d.C., forse, dagli Esseni.

Le analisi sono state eseguite da ricercatori italiani dei Laboratori Nazionali del Sud (LNS) dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), in collaborazione con i ricercatori del BAM-CNR (Bundesanstalt fiir Materialforschung) di Berlino.

Una seconda parte dello studio analizzerà la composizione degli inchiostri per cercare di scoprire anche il luogo in cui vennero scritti i testi.

Fonti: la Repubblica, INFN, ANSA.

Share

One Comment leave one →
  1. luglio 26, 2015 8:09 am

    1) i rotoli del Mar Morto sono scritti su pelli di animali «puri» mucche o capre, il cammello è un animale impuro quindi non possono essere scritti su pelle di cammello;2) come hanno dimostrato gli scavi di Y.Hirschfeld, Qumran era una fattoria e non un convento e non vi è stato trovato alcun frammento di manoscritti;3) il villaggio degli Esseni è stato identificato e scavato sopra Ein Gedi;4) può essere che qualche manoscritto sia opera degli Esseni, ma non tutti. I Mss. sono stati scritti durante 300 anni, con calligrafie e su materiali diversi e vengono probabilmente da Gerusalemme o da altri posti.
    Carla V.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: