Skip to content

Mappato un insediamento preistorico al largo della Svezia

novembre 21, 2016
Un piccone fatto coi palchi di alce (Arne Sjöström)

Un piccone fatto coi palchi di alce (Arne Sjöström)

Un insediamento dell’Età della Pietra sommerso, al largo della Svezia, è stato mappato interamente per la prima volta.

Da anni le reti dei pescatori si impigliavano nei resti di questo sito, intorno alla baia di Hanö, ma solo recentemente lo si è pienamente esplorato usando un ecoscandaglio multibeam, che usa la stessa tecnologia del sonar. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Quaternary International.

L'attuale costa e fin dove arrivava nella preistoria. Il colore rosso indica acque basse. Le terre che emergevano sono delineate (Arne Sjöström)

L’attuale costa e fin dove arrivava nella preistoria. Il colore rosso indica acque basse. Le terre che emergevano sono delineate (Arne Sjöström)

Il sito venne occupato circa 9.000 anni fa, quando il livello del Mar Baltico era più basso di circa 10-12 metri rispetto a oggi, ha detto a IBTimes Anton Hansson, dottorando in geologia presso l’Università di Lund in Svezia.

Queste acque erano ricche di pesci. Gli abitanti lo abbandonarono solo quando il crescente livello dell’acqua li forzò a spostarsi nell’entroterra, circa 8.000 anni fa. Dice Hansson: «È un ambiente altamente produttivo, qui si possono pescare tanti pesci. Quindi fino a quando non venne sommerso dall’acqua, la popolazione vi restò».

Oltre a mappare l’area, il team ha analizzato i sedimenti. «Possiamo dire che questa terra era altamente produttiva, era piuttosto calda – forse leggermente più calda di oggi», dice Hansson. Quest’area è relativamente inesplorata, se paragonata ai siti dello stesso periodo e interesse. Il fondale del Doggerland (l’area tra Inghilterra e Germania una volta emersa), per esempio, è stato ampiamento mappato e investigato per via delle attività petrolifere nell’area.

Il team ha anche recuperato diversi significativi manufatti archeologici, come un piccone di 9.000 anni fatto coi palchi di alce. Ci sono delle tacche incise, sebbene i ricercatori non ne conoscano il significato. «È stato tagliato da un palco di alce ed è stato levigato. Non siamo sicuri su come venisse usato, è l’unico che abbiamo trovato», dice Hansson.

Le tacche sul piccone (Arne Sjöström)

Le tacche sul piccone (Arne Sjöström)

(Università di Lund)

(Università di Lund)

L’ascia potrebbe essere stata usata per la pesca – forse per montare delle trappole per pesci. È piuttosto smussata, dunque non era probabilmente usata per cacciare o perforare. «Il piccone è stato trovato nello strato dei rifiuti dell’insediamento», dice Hansson. «Il buco dove incastrare il manico è crepato, è per questo motivo che venne gettato tra i rifiuti».

Diversi ritrovamenti sono stati restaurati e presto finiranno in un museo. Ma molti altri, come le trappole per pesci, sono troppo grossi per essere rimossi dal sito. «Non abbiamo né soldi né la logistisca per tirarli su, dunque stanno ancora là. La maggior parte di quello che abbiamo trovato rimane lì perché non abbiamo i fondi o la possibilità di portarla via».

Il sito (Arne Sjöström)

Il sito (Arne Sjöström)

La trappola per pesci (Lund University)

La trappola per pesci (Lund University)

(Università di Lund)

(Università di Lund)

L'attuale costa (Lund University)

L’attuale costa (Lund University)

International Business Times

Università di Lund

Quaternary International

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: