Skip to content

Scavata una stazione con terme e sepolcri sulla via Portuense

agosto 7, 2014

Terme maschili e femminili, una stazione di posta e un luogo di culto. In sostanza, un vero e proprio “hub” risalente a duemila anni fa.

Una stazione dotata di strutture di servizio, per il corpo e per lo spirito, destinate a confortare il tragitto di viaggiatori e trasportatori, moltissimi, impegnati a raggiungere i moli di Portus (oggi Fiumicino) o provenienti dai medesimi approdi commerciali per trasferire le merci destinate alla capitale dell’Impero romano.

Un impianto termale femminile  (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Un impianto termale femminile (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Sepolcri rinvenuti nel cantiere di scavo di via Portuense  (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Sepolcri rinvenuti nel cantiere di scavo di via Portuense (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

I lavori pubblici in corso consegneranno il raddoppio della carreggiata di via Portuense e lo snellimento del traffico che oggi incontra una strettoia in corrispondenza del ponte sul quale transita la ferrovia Roma-Fiumicino. Ma intanto la Soprintendenza speciale per i beni archeologici sta conducendo indagini archeologiche preliminari che restituiscono la fotografia di edifici e strade brulicanti di vita e di merci da almeno venti secoli.

Infatti l’attuale via Portuense ripercorre il tracciato antico della via Portuensis che, in questo punto, incrociava la via Campana: strade sulle quali viaggiavano tonnellate di anfore con olio, granaglie, sale, tessuti e tutte le importazioni necessarie a una città che in fase imperiale raggiunse un milione di abitanti.

Un mosaico pavimentale in un mausoleo (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Un mosaico pavimentale in un mausoleo (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una porzione della via Campana (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una porzione della via Campana (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una risistemazione tardo-antica con ambienti, probabilmente un'area di culto

Una risistemazione tardo-antica con ambienti, probabilmente un’area di culto (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Il cippo con iscrizione di Vespasiano (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Il cippo con iscrizione di Vespasiano (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Un monumento funebre a cupa di epoca tardo-imperiale (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Un monumento funebre a cupa di epoca tardo-imperiale (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una sepoltura a cassone con dipinto tardo imperiale (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una sepoltura a cassone con dipinto tardo imperiale (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una tomba tardo-antica (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una tomba tardo-antica (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Le strutture archeologiche che saranno aperte alla visita su prenotazione, grazie all’iniziativa della Soprintendenza in collaborazione col Municipio XI, sono quelle emerse dal febbraio 2014, in un cantiere che si estende a monte e a valle del ponte ferroviario. Gli scavi hanno portato alla luce un gran numero di oggetti femminili: una cinquantina tra spatole e spilloni in osso e in avorio, cucchiaini per il trucco, il manico di uno specchio, diversi contenitori per il balsamo.

Le lastre marmoree di un rivestimento delle terme femminili

Le lastre marmoree di un rivestimento delle terme femminili (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Nummus Radiatus con l'effige imperatore Carino (sec. III)   (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Nummus Radiatus con l’effige imperatore Carino (sec. III) (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una pedina da gioco in avorio (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Una pedina da gioco in avorio (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Cucchiaino per il trucco (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Cucchiaino per il trucco (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Tra gli ambienti spicca per qualità della conservazione quello che presenta una grande vasca, alta oltre 2 metri, foderata in cocciopesto. “I lavori degli ultimi anni confermano la ben nota alta densità di presenze antiche – spiega il Soprintendente Mariarosaria Barbera – attestata dalle fonti scritte e confermata dagli scavi eseguiti negli ultimi decenni. Dopo il restauro le testimonianze restituite dagli scavi, secondo il consolidato orientamento dello Stato, saranno restaurate ed esposte al pubblico in una sede della Soprintendenza appartenente al territorio di provenienza”.

Le mura di una probabile cisterna (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Le mura di una probabile cisterna (ANSA/Soprintendenza archeologica di Roma)

Repubblica

ANSA

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: