Skip to content

Tracce di abitazioni medievali nel Colosseo

giugno 29, 2014

Da spettacolare arena dei gladiatori a “condominio” con stalle, case private e laboratori di artigiani. La “seconda vita” del Colosseo, e cioè la sua fase medievale, si svela grazie agli scavi condotti dalla Soprintendenza archeologica in collaborazione con l’università di Roma Tre.

Se la storia del Colosseo come Anfiteatro è certamente più nota, la sua fase “residenziale” “è però più lunga  –  spiega Rossella Rea, direttrice del monumento  –  perché parte dalla fine del IX secolo e dura almeno fino al terremoto del 1349”.

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

A mostrare come doveva apparire il monumento nel Medioevo sono gli scavi e i reperti portati alla luce dagli studenti romani e da alcuni ospiti dell’American University of Rome, diretti da Riccardo Santangeli Valenzani, professore di archeologia medievale, e coordinati da Giulia Facchin. Il Colosseo era diviso in una serie di ambienti  –  usati come botteghe, magazzini, stalle o abitazioni  –  affittati a sublocatari dalle autorità ecclesiastiche, che avevano preso il controllo sul monumento, e in particolare dal convento dei frati di Santa Maria Nova, che ancora sorge lì vicino. Gli ambienti si aprivano sull’arena centrale, mai edificata, che “veniva usata come una sorta di disimpegno, di spazio comune” spiega Santangeli Valenzani.

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

Nella campagna in corso, la terza di un progetto cominciato nel 2011, gli studenti-archeologi, che lo scorso anno avevano individuato un ambiente con un focolare, hanno scoperto all’interno del cuneo 9 uno degli accessi privati al Colosseo. Un ingresso con un cancello posto su una strada battuta che portava fino all’arena.

Sotto un muretto del XII secolo è stato scoperto anche un condotto fognario flavio, perfettamente integro. Segni tangibili della funzione abitativa sono, invece, le ceramiche rinvenute durante gli scavi, usate per cucinare. Ma non solo: tra gli oggetti ritrovati, c’è anche una scimmietta in avorio, forse usata come pedina da scacchi o come soprammobile.

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

La campagna 2014 si è appena chiusa, ma gli scavi proseguiranno il prossimo anno: “Come tutti i settori di ricerca, anche l’archeologia soffre la mancanza di finanziamenti  –  commenta Rea  –  Ma grazie alla collaborazione con Roma Tre per qualche settimana all’anno riusciamo a portare avanti un lavoro altrimenti impossibile”. L’obiettivo per il futuro è di approfondire le fasi successive. Se l’organizzazione a lotti in affitto venne superata con la trasformazione in roccaforte da parte della famiglia Frangipane, nei secoli successivi l’Anfiteatro Flavio ebbe molte altre vite. Nel ‘700, ad esempio, fu abitato anche da eremiti, come testimoniano le lapidi sepolcrali conservate nella cappella.

Nel frattempo, prosegue il restauro del monumento “targato” Tod’s: le prime 5 arcate verranno liberate dai ponteggi a partire dal 7 luglio, mentre altre 5 sono in corso di pulitura. I lavori del primo lotto termineranno il 2 marzo 2016.

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

(Yara Nardi, F3Press)

Repubblica

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: