Skip to content

Scoperta a Vulci la tomba etrusca di un bambino

giugno 9, 2014

Nuova scoperta archeologica durante i lavori per la valorizzazione della necropoli dell’Osteria a Vulci. Vicino alla famosa tomba della Sfinge è stato rinvenuto un piccolo dromos, con un vestibolo su cui si prospettano due camere, una delle quali contenente oggetti che fanno parte di un corredo appartenente ad un giovane deceduto probabilmente all’età di 10 anni.

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

Per gli archeologi la tomba è risalente alla fine del sesto secolo a.C., posta a pochissimi metri da quella principesca e da tutta la zona interessata in cui si stanno terminando i lavori di valorizzazione del Por (Progetto operativo regionale) che il Comune, con Regione Lazio e Soprintendenza per i beni archeologici dell’Etruria Meridionale, sta portando avanti per rilanciare il Parco archeologico e naturalistico di Vulci.

All’interno della piccola camera gli studiosi hanno rinvenuto il corredo del defunto: oggetti di bucchero e di impasto, una piccola ascia, una lancia e un coltello in ferro, oltre ad una serie di oggetti in bronzo tra i quali due coppe in ceramica di pregiata fattura con decorazioni dipinte. Tra le immagini raffigurate, con molta probabilità, è presente anche una piccola sfinge.

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

Gli studiosi ritengono che quest’ultimo ritrovamento abbia vincoli di parentela con la tomba principesca, vista la stretta vicinanza al singolare dromos lungo 27 metri. «L’antica necropoli dell’Osteria è un luogo straordinario – afferma il sindaco Sergio Caci – ed è sicuramente un grande attrattore culturale turistico che insieme al resto del parco di Vulci rende il nostro territorio ancor più prestigioso».

Grazie al ministero dei Beni culturali, e alla partecipazione della Soprintendenza per i beni archeologici dell’Etruria Meridionale, spiega il sindaco, «stiamo completando l’area della necropoli realizzando un percorso turistico completamente accessibile, anche per i disabili».

(Il Messaggero)

(Il Messaggero)

Il Messaggero

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: