Skip to content

Ventidue mausolei scoperti sull’antica via Prenestina

maggio 30, 2014

Ventidue mausolei monumentali, lungo un tracciato di 50 metri di antico basolato perfettamente conservato. Una vera e propria necropoli romana risalente al periodo compreso fra la fine del II secolo a.C. e la fine del II d.C. È la via Prenestina antica, venuta alla luce tra via Tor Tre Teste e l’attuale via Prenestina durante gli scavi preventivi della Soprintendenza archeologica per la costruzione di due ristoranti Road House Grill del gruppo Cremonini.

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

«Fanno parte della necropoli anche 105 tombe a fossa e diverse olle con resti di incinerazioni — spiega Stefano Musco, archeologo responsabile dello scavo — Mentre in due mausolei sono stati rinvenuti circa 800 frammenti di osso e avorio riferibili a due letti funerari, ritualmente bruciati e deposti unitamente alle ceneri dei defunti. Alcuni dei frammenti (almeno cinque) presentano decorazioni con volti umani in alcuni casi ornati da ghirlande composte da foglie di vite e grappoli d’uva».

Sono state inoltre rinvenute 4 epigrafi e, all’interno di uno dei mausolei, è stato trovato anche il bustum, ovvero la fossa appositamente destinata alla combustione del cadavere.

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

(Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma)

Le scoperte «di eccezionale valore » coprono un’area di 5 mila metri quadrati, che potrebbe ora diventare un parco archeologico. Il gruppo Cremonini, proprietario del terreno, ha proposto infatti di finanziare gli scavi e il restauro, il cui progetto (al vaglio della Soprintendenza) è stato presentato in commissione Cultura capitolina.

Se verrà approvato, anche la Prenestina antica avrà il suo sponsor, come il Colosseo. «Il rapporto tra archeologia e imprenditoria — commenta il soprintendente Mariarosaria Barbera — può concretamente contribuire a riqualificare le periferie della capitale […] Una lezione per chi si ostina a vedere nelle soprintendenze un ostacolo per lo sviluppo».

Repubblica

Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma

One Comment leave one →
  1. giusy67 permalink
    giugno 3, 2014 3:36 pm

    Fantastica notizia per 2 motivi, i rinvenimenti e la collaborazione dei proprietari del terreno. Speriamo sia un esempio.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: