Skip to content

Little Foot, l’australopiteco sudafricano, contemporaneo di Lucy?

marzo 26, 2014

Secondo una nuova ricerca pubblicata sul Journal of Human Evolution, Little Foot (“piccolo piede”), il fossile hominine più completo al mondo, risale a molto prima di quanto si pensasse – 2,2 milioni di anni – e potrebbe aiutare gli scienziati a identificare meglio l’identità degli antenati più prossimi all’uomo.

Little Foot (Ronald Clarke)

Little Foot (Ronald Clarke)

(Laurent Bruxelles, Inrap)

(Laurent Bruxelles, Inrap)

La prima analisi dei sedimenti nella grotta di Silberberg, nel sito di Sterkfontein in Sud Africa dove era stato scoperto Little Foot, mostra che il fossile di Australopithecus risale probabilmente a 3 milioni di anni o più, dice Laurent Bruxelles, geomorfologo all’Inrap (Institut National de Recherches Archéologiques Préventives).

Questo renderebbe Little Foot, ufficialmente chiamato StW 573, un contemporaneo di Lucy, il famoso fossile di Australopithecus afarensis scoperto in Etiopia nel 1974.

(Laurent Bruxelles, Inrap)

Le grotte di Sterkfontein (Laurent Bruxelles, Inrap)

La grotta di Silberberg (Laurent Bruxelles, Inrap)

La grotta di Silberberg (Laurent Bruxelles, Inrap)

(Laurent Bruxelles, Inrap)

(Laurent Bruxelles, Inrap)

Ron Clarke, un docente della Witwatersrand University oggi in pensione, aveva scoperto quattro ossa del piede di Little Foot in una scatola di fossili animali provenienti dal sito nel 1994, 16 anni prima che lo scheletro venisse interamente dissotterrato. A differenza delle altre Australopitecine rinvenute nell’area, che è stata classificata dall’UNESCO come la “Culla dell’umanità” nel 1999, Little Foot cadde 20 metri verso la sua morte invece di essere divorato da un predatore, ha detto Bruxelles, autore dello studio.

Laurent Bruxelles et Ron Clarke (Francis Duranthon, Muséum d’Histoire Naturelle de Toulouse)

Laurent Bruxelles et Ron Clarke (Francis Duranthon, Muséum d’Histoire Naturelle de Toulouse)

Laurent Bruxelles (Francis Duranthon, Muséum d’Histoire Naturelle de Toulouse)

Laurent Bruxelles (Francis Duranthon, Muséum d’Histoire Naturelle de Toulouse)

I tentativi di datare lo scheletro di Little Foot, completo al 95%, hanno suscitato controversie in passato. Clarke inizialmente aveva pensato che avesse circa 3 milioni di anni, e appartenesse al Australopithecus prometheus invece che al più noto Australopithecus africanus. Diversi studi successivi avevano stimato la sua datazione tra gli 1,5 e i 4 milioni di anni.

“Geologicamente, Little Foot potrebbe persino avere 4 milioni di anni, ma saranno i paleontologi a dirlo”, spiega Bruxelles. Il significato degli ultimi ritrovamenti, aggiunge, è che uno dei due lignaggi “potrebbe aver lasciato un antenato prossimo dei primi esseri umani, mentre l’altro probabilmente non lasciò discendenti”.

Abel Molepolle ha pulito diverse parti dello scheletro (University of the Witwatersrand)

Abel Molepolle ha pulito diverse parti dello scheletro (University of the Witwatersrand)

(University of the Witwatersrand)

(University of the Witwatersrand)

Nature

Science

Inrap

University of the Witwatersrand

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: