Skip to content

Alla ricerca delle civiltà nascoste nell’Amazzonia

gennaio 13, 2014
tags:

A guardare com’è oggi la foresta amazzonica è difficile immaginarla piena di persone. Negli ultimi decenni, però, gli archeologi hanno cominciato a trovare tracce di villaggi e forse persino città. L’estensione di questi insediamenti umani rimane molto dibattuta – in parte perché enormi regioni della foresta tropicale di 6 milioni di km² non sono ancora state studiate. Ora un gruppo di ricercatori ha costruito un modello che predice dove si possono trovare più probabilmente i segni dell’agricoltura precolombiana.

(Crystal McMichael)

(Crystal McMichael)

In un certo senso, l’archeologia nell’Amazzonia è ancora agli inizi. Non solo è difficile effettuare dei grossi scavi in mezzo a una foresta tropicale ma, fino a poco tempo fa, non si pensava che ci fosse molto da scoprire. Il suolo amazzonico è notoriamente di scarsa qualità – tutti i nutrieni sono immediatamente utilizzati dalla sbalorditiva biodiversità della foresta – dunque per molti anni, gli scienziati hanno creduto che un’agricoltura su larga scala necessaria a sostenere le città fosse impossibile. Le scoperte di terrapieni enormi e strade antiche, tuttavia, indicano che esistette una certa densità di popolazione per un lungo periodo. Il loro segreto agricolo? Arricchivano il suolo loro stessi, creando quella che gli archeologi chiamano terra preta.

La terra preta – letteralmente “terra scura” – è il suolo che gli uomini hanno arricchito per avere due o tre volte i nutrienti rispetto al normale, spiega Crystal McMichael, paleoecologista all’Istituto di Tecnologia della Florida a Melbourne. Sebbene non ci sia una definizione standard della terra preta, tende a essere più scura del normale e contiene carbone e frammenti di ceramica precolombiane mischiate. La maggior parte venne creata dai 2.500 ai 500 anni fa. Come i terrapieni, la terra preta è considerata un segno di un’antica occupazione umana.

Ampie strade (in rosso) collegano antiche città (Science)

Ampie strade (in rosso) collegano antiche città (Science)

Strade preispaniche nell'Amazzonia boliviana (Università della Pennsylvania)

Strade preispaniche nell’Amazzonia boliviana (Università della Pennsylvania)

Analizzando luoghi e ambienti dei circa 1.000 siti di terra preta conosciuti, McMichael e il suo team hanno trovato degli schemi della sua distribuzione. Gli scienziati hanno concluso che la terra preta si trova più probabilmente nell’Amazzonia centrale e orientale, sulle scogliere vicine ai fiumi che vanno verso l’oceano Atlantico. È meno comune invece nell’Amazzonia occidentale, dove l’inizio delle Ande tende ad aggiungere naturalmente dei nutrienti al suolo, e in regioni montagnose come Llanos de Moxos in Bolivia, casa di molti terrapieni precolombiani importanti. Studiando le condizioni ambientali più fortemente associate con la terra preta, il team è stato in grado di costruire un modello che individua i siti di terra preta più probabili. In tutto, si ritiene ci siano probabilmente circa 154,063 km² di terra preta nell’Amazzonia, cioè il 3.2% dell’area totale del bacino, scrivono su Proceedings of the Royal Society B.

Il modello fornisce agli archeologi “un punto di partenza” per gli scavi futuri, dice McMichael. “Dentro una foresta di quasi 6 milioni di km², è difficile determinare i siti da sondare”. Come il sempre più popolare LiDAR – che può rilevare sterramenti nascosti sotto la foresta ma non può scovare la terra preta – “queste metodologie statistiche restringono il numero di aree in cui cercare”.

Altri esperti dell’Amazzonia sono più scettici. Michael Heckenberger, archeologo all’Università della Florida di Gainesville, non coinvolto nello studio, fa notare una possibile discrepanza nei metodi di campionatura impiegati da McMichael. I siti di terra preta, dice, “sono semplicemente le aree dove ci sono state delle ricerche archeologiche”. Le aree senza questo tipo di terra, invece, erano state analizzate da ecologisti e geologi, spesso molto prima che qualcuno avesse cominciato a cercare la terra preta o altri segni di insediamenti precolombiani. Solo perché una regione è ritenuta senza terra preta, sospetta Heckenberger, non vuol dire che non ce ne sia. Significa solo che gli archeologi lì non l’hanno ancora cercata. La mappa di McMichael “serve come promemoria di ciò che non sappiamo” riguardo il passato dell’Amazzonia.

McMichael concorda che l’etichetta ‘senza terra preta’ non prova che gli uomini non abitarono mai una regione. La relativa mancanza di terra preta intorno a Llanos de Moxos dimostra che gli abitanti non arricchivano il suolo per forza, oppure lo facevano in modo diverso. “Penso che le culture si adattarono in modi diversi alle condizioni ambientali differenti”, creando terra preta dove il terreno era povero e modificando l’ambiente dove il suolo era già ricco.

McMichael spera di usare i suoi metodi statistici per registrare l’impatto umano sull’Amazzonia nel passato, cercando di trovare una correlazione con i diversi ambienti. Se gli indigeni hanno incoraggiato la diffusione di piante e animali utili a loro, per esempio, questo potrebbe riguardare la distribuzione delle specie nell’Amazzonia di oggi. Presto, gli scienziati potrebbero andare oltre i terrapieni e leggere la storia dell’Amazzonia nella foresta stessa.

Science

One Comment leave one →
  1. luglio 4, 2014 2:46 pm

    Nel 2006 fu scoperta una “Stonehenge” nella foresta amazzonica: http://www.repubblica.it/2006/06/sezioni/scienza_e_tecnologia/stonehenge-amazon/stonehenge-amazon/stonehenge-amazon.html, Il monumento è formato da 127 blocchi di pietra, piazzati in cima a un colle. http://www.archeomedia.net/scoperte-e-scavi/34884.html. Gli archeologi dissero che poteva risalire a circa 2.000 anni fa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: