Skip to content

Come morì Tutankhamon

novembre 13, 2013

Ci sono voluti migliaia di anni, ma una nuova ricerca potrebbe finalmente aver rivelato cosa successe al faraone Tutankhamon.

Il mistero ha circondato il giovane re a partire dalla sua morte nel 1.323 a.C. avvenuta a soli 19 anni. La famosa maledizione del faraone si è poi intensificata quando l’archeologo Lord Carnarvon morì al Cairo poco dopo la scoperta della tomba, avvenuta nel 1922 insieme a Howard Carter.

Ora alcuni esperti britannici pensano di aver risolto l’enigma della sua morte. Le ferite sul corpo sono infatti compatibili a quelle sostenute in un incidente col cocchio, mentre la sua mummificazione avrebbe invece innescato una combustione.

(Getty)

(Getty)

(Getty)

Carter col sarcofago di Tutankhamon (Getty)

Chris Naunton, direttore della Egypt Exploration Society, aveva letto i riferimenti alla bruciatura del corpo nei resoconti di Carter. Naunton ha quindi contattato Robert Connolly, antropologo all’Università di Liverpool e membro del team che aveva sottoposto a radiografia i resti di Tutankhamon nel 1968. Tra i campioni di ossa che egli possedeva, aveva recentemente trovato un pezzo di carne del faraone – l’unico campione conosciuto fuori dall’Egitto.

Chris Naunton (The Independent)

Chris Naunton (The Independent)

Lavorando con l’archeologo forense Matthew Ponting, Connolly ha usato un microscopio elettronico a scansione per determinare che la carne era bruciata. Successivi test chimici hanno confermato che il corpo di Tutankhamon era bruciato mentre era già all’interno della bara. I ricercatori hanno scoperto che gli olii per l’imbalsamazione, combinati con l’ossigeno e il lino del lenzuolo funebre, causarono una reazione chimica che prese fuoco e “cosse” il corpo del re a temperature superiori ai 200 gradi. Chris Naunton ha detto: “La carbonizzazione e la possibilità che una mummificazione malfatta portò il corpo a prendere fuoco poco dopo la sepoltura è stata una cosa totalmente inaspettata, come una rivelazione”.

Un piede del faraone rivela segni di incendio (PA)

Un piede del faraone rivela segni di incendio (PA)

Lavorando con gli scienziati del Cranfield Forensic Institute, i ricercatori hanno effettuato un’ “autopsia virtuale” che ha rivelato una serie di ferite su un lato del corpo. La loro indagine spiega anche perché Tutankhamon sia l’unico faraone a cui manca il cuore: era stato danneggiato troppo.

Stando alle simulazioni al computer, le ferite del faraone cambaciano con lo scenario dell’incidente del cocchio. I risultati suggeriscono che un cocchio andò a sbattere contro lui mentre era sulle ginocchia – facendo a pezzi costole e bacino e schiacciando il cuore.

Per anni, le prove archeologiche avevano suggerito che il faraone fosse stato sepolto in fretta e non se ne capiva il perché. L’attività microbica sulle pareti della tomba, per esempio, suggeriva che le pitture non si erano ancora seccate quando chiusero la tomba. L’ipotesi dell’incendio accidentale dà credito all’idea che l’intera sepoltura di Tutankhamon sia stata essenzialmente un lavoro fatto di fretta.

Una pittura murale della tomba di Tutankhamon (Robert Jensen - J. Paul Getty Trust)

Una pittura murale della tomba di Tutankhamon (Robert Jensen – J. Paul Getty Trust)

(Dreamstime)

(Dreamstime)

The Independent

6 commenti leave one →
  1. giusy67 permalink
    novembre 13, 2013 10:34 am

    Finalmente un nuovo articolo dopo mesi! Interessante l’ipotesi di morte ed anche l’autocombustione nel sarcofago, che comunque lasciano spazio ad ulteriori approfondimenti. Il giovane faraone farà ancora parlare di se.

    Mi piace

  2. Claudio permalink
    novembre 13, 2013 10:38 pm

    Bentornato

    Mi piace

  3. Impwins permalink
    novembre 14, 2013 10:42 am

    Interessantissimo come al solito.

    Mi piace

  4. Nabokov66 permalink
    novembre 16, 2013 10:44 am

    Buongiorno, come mai queste grosse pause nell’aggiornamento del sito..? Credo sia l’unico in Italia di primissimo livello!

    Mi piace

    • Aezio permalink*
      novembre 18, 2013 2:06 pm

      Ciao. Avevo una serie di impegni professionali e personali tali per cui non riuscivo più ad aggiornare il sito costantemente! Ho preferito aspettare che riprendere in modo discontinuo. Grazie mille per la stima.

      Mi piace

  5. Andrea permalink
    novembre 28, 2013 10:21 pm

    Grazie per aver ripreso ad aggiornare il sito. Apprezzo molto la qualità di questi articoli.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: