Skip to content

Le vite segrete dei libri medievali

maggio 19, 2012

Temevano la malattia, erano egoisti e si addormentavano leggendo a tarda notte proprio come noi, ha rivelato una nuova ricerca sui nostri antenati medievali.

Per la prima volta una nuova tecnica scientifica ha permesso di entrare nelle menti delle persone medievali – attraverso i loro libri sporchi.

(University of St Andrews)

Una nuova macchina chiamata densitometro, inventata dalla dott.ssa Kathryn Rudy, docente di Storia dell’Arte presso l’Università di St Andrews, è in grado di determinare la quantità di sporco contenuto nelle pagine dei manoscritti medievali, e quindi capire quali erano le più lette.

La macchina è stata utilizzata su libri di preghiere medievali, e ha dimostrato che la gente era come interessata a se stessa e paurosa della malattia come oggi.

Il densitometro (University of St Andrews)

Per esempio, in una selezione di libri religiosi, una delle pagine più sporche era una preghiera a San Sebastiano che veniva spesso pregato perché le sue ferite di freccia (la causa del suo martirio) assomigliavano alla peste bubbonica. Il lettore del libro sarebbe dunque stato terrorizzato dalla peste e ripeteva la preghiera per scongiurare la malattia.

Allo stesso modo le pagine che contenevano le preghiere per la salvezza degli altri erano meno sporche di quelle per la salvezza propria.

L’analisi ha poi evidenziato che le pagine di una preghiera da dire nel primo mattino erano sporche solo nelle prime pagine. Secondo Rudy questo dimostrerebbe che la maggior parte dei lettori si addormentava nello stesso punto.

Dice: “Anche se spesso è difficile studiare le abitudini, i rituali privati e gli stati emotivi delle persone, questa nuova tecnica ci può portare nelle menti delle persone dal passato. La religione non era separabile da salute fisica, gestione del tempo e relazioni interpersonali nell’età medievale. Nel secolo prima della stampa, la gente ordinava decine di migliaia di libri di preghiere – a volte molto ben miniate – anche se venivano a costare quanto una casa”.

“Come risultato venivano ben custoditi, letti più volte al giorno nei momenti di preghiera, e attraverso l’analisi di quanto fossero sporche le pagine siamo in grado di identificare le priorità e le credenze dei loro proprietari”.

Università di St. Andrews

3 commenti leave one →
  1. maggio 24, 2012 11:18 pm

    Mi sembra che gli esseri umani non siano cambiati poi molto, nel corso dei secoli.

    Articolo interessante.

    Mi piace

    • maggio 25, 2012 5:09 pm

      infatti! che bella curiosità!

      Mi piace

      • Gabriele permalink
        giugno 19, 2012 12:58 pm

        non vedo nessuna sorpresa, ma davvero c’è qualcuno che pensa che l’uomo sia “cambiato” a parte le scoperte tecnologiche? Davvero c’è ancora chi sostiene che l’uomo sia fondamentalmente “buono” e i “cattivi” siano quelli traviati in qualche modo? Ma per favore…
        Tra l’altro qui non leggo nulla più che la perfetta normalità, non vedo nessun egoismo nel pensare alla propria salute con i mezzi che si hanno, nel medioevo c’era solo la preghiera.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: