Skip to content

Le croci d’oro longobarde di Cividale

aprile 10, 2012

Si è conclusa l’ultima, eccezionale, campagna di scavo nella vasta necropoli longobarda “della Ferrovia” di Cividale, in Friuli-Venezia Giulia.

Tra le scoperte più importanti spiccano in particolare sei piccole croci d’oro che riassumono in un simbolo cristiano immagini ereditate dal mondo pagano – oggetti unici nel loro genere che sintetizzano perfettamente la fase di transizione dal mondo classico alle nuove realtà del primo Medioevo.

Ma tanti altri sono gli oggetti trovati nelle 81 sepolture, sia maschili che femminili, venute alla luce grazie al lavoro non facile degli archeologi: numerosi gioielli in oro e argento, alcuni in pietra dura, sia di tipologia tipicamente longobarda che di matrice bizantina, numerose armi tradizionali, alcune con tracce di fodero in cuoio con decorazioni in bronzo.

(MiBAC)

(MiBAC)

La ricca necropoli detta “della Ferrovia” è così chiamata perché situata, presumibilmente, tra la vecchia e la nuova stazione ferroviaria. Si stimano esserci circa cinquecento sepolture, parte delle quali già messe in luce.

Resteranno da scavare, in futuro, ancora centinaia di tombe. Importanti i risultati di questa prima campagna di scavo: le 81 sepolture, tutte con corredo funebre, hanno consentito di disegnare la mappa di una necropoli composita, costituita da esponenti dell’aristocrazia longobarda e da persone, servi o subalterni, gravitanti attorno ad essi, individuati per l’assenza di corredo e perché sepolti in tombe adiacenti a quelle del gruppo familiare di appartenenza.

Anche l’arco temporale è ampio: si va dalle sepolture più antiche – due delle quali, con tracce della cosiddetta casa funeraria in legno, si datano già all’ultimo terzo del VI secolo ed appartengono alla prima generazione di immigrati in Italia – alle più recenti, probabilmente quelle con cassa in muratura che, ad una prima analisi, possono essere riferite all’avanzato VII secolo.

Sono numerosi i guerrieri deposti con l’intera panoplia (lancia, spada o scramasax, scudo) in qualche caso con speroni, elementi di cintura, forbici e coltelli, talora con borse in materiale deperibile contenenti pettini, acciarini e monete. Pettini e strumenti in ferro, unitamente ad altri tipi di offerte come vasi in ceramica, sono stati rinvenuti anche in sepolture femminili, corredate anche da oggetti di ornamento tra cui le tipiche fibule ad S. Eccezionale il numero di tombe sia femminili che maschili che hanno restituito croci di lamina d’oro decorata a sbalzo, originariamente apposte su un velo che copriva il volto del defunto.

Tra gli oggetti raccolti, quelli più importanti saranno esposti in mostra durante la XIV Settimana della Cultura, presso il Museo Archeologico di Cividale, dove il 17 aprile verranno illustrati i primi risultati degli scavi. Per ora la Soprintendenza sta valutando i costi per il restauro di tutti i reperti, in particolare per quelli in ferro, che deve essere avviato quanto prima per evitare il degrado e sta preparando un progetto di studio ed espositivo, anche nell’ambito delle attività di rete del sito “Italia Langobardorum”. In prospettiva l’intento, in accordo con il Comune di Cividale, è quello di garantire la tutela della zona, prevedendo l’indagine sistematica e la valorizzazione di alcuni settori dell’importante necropoli.

Ministero dei Beni Culturali

One Comment leave one →
  1. paolo pasquini permalink
    aprile 17, 2012 1:53 pm

    Buon lavoro e grazie per l’impegno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: