Skip to content

Sénakht-en-Rê, la “riscoperta” di un faraone

marzo 9, 2012

Nel corso degli scavi condotti a nord del tempio di Amon-Ra, nel complesso templare di Karnak, un team franco-egiziano dell’IFAO (Institut Français d’Archéologie Orientale) diretto da Christophe Thiers ha scoperto una porta in pietra calcarea importantissima per la comprensione dell’enigmatica 17′ dinastia (1634-1543 a.C.).

È la dinastia che lanciò la campagna militare conclusasi con la cacciata della tribù degli “Hyksos” dall’Egitto.

(CNRS)

Sulla porta è inciso il nome di un re finora menzionato solo in tre documenti scritti uno o due secoli dopo il suo regno. Il suo nome è “Sénakht-en-Rê”. E dato che il suo nome non era mai stato trovato su nessun monumento, gli archeologi lo avevano sempre considerato un re immaginario.

La recente scoperta sembra invece suggerire che il re fosse in effetti esistito.

(CNRS)

Oltre al cartiglio, la porta reca incise iscrizioni geroglifiche secondo cui il re fece costruire la porta con blocchi di pietra calcarea trasportati da Tora (odierna Helwan, a sud del Cairo), che all’epoca era sotto il controllo Hyksos.

CNRS

Al Ahram

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: