Skip to content

Le devastanti alluvioni in Thailandia colpiscono anche i Patrimoni dell’Umanità

ottobre 16, 2011

Il bilancio delle vittime della grande alluvione che ha investito la Thailandia continua a salire. A oggi, dopo due mesi di pioggia battente, il numero si attesta a 297, con oltre 8,5 milioni di persone colpite.

(Reuters)

Nell’antica città di Ayutthaya, in una delle regioni più colpite, i camion militari si muovono lentamente per le strade cercando di attraversare un costante fiume di acqua, recando aiuto a coloro che possono avvicinarsi. Chiunque abbia una barca la usa per trasportare aiuti.

Ayutthaya, oggi Patrimonio dell’Umanità, nel 1351 diventò capitale del potente regno omonimo.

Nella provincia l’inondazione ha colpito più di 200 dei 500 templi presenti, dice il governatore della provincia di Ayutthaya, Wittaya Pewpong.

Il tempio di Wat Chaiwatthanaram prima dell'inondazione (Alamy)

(Reuters)

(Reuters)

(CNN)

(Sukree Sukplang, Reuters)

(Pornchai Kittiwongsakul, AFP/Getty Images)

(Chaiwat Subprasom, Reuters)

(Reuters)

A Bangkok si sta lavorando duramente per ampliare i canali e rafforzare le barriere di protezione per proteggere la città. “Devo dire che c’è un sacco di acqua che arriva a Bangkok, ma la situazione non è ancora critica”, ha detto il governatore di Bangkok Sukhumbhand Paribatra.

Il sobborgo di Bangkok di Sam Kok si trova tra lo straripante fiume Chao Phraya e le barriere alte 2 metri e mezzo (che finora hanno protetto la parte interna e commerciale della capitale). Qui l’acqua non ha dove defluire e livelli sono in rapida crescita.

“In uno o due giorni, le inondazioni passeranno attraverso Bangkok, ma il fatto è che l’impatto di tale flusso sarebbe minore se l’acqua venisse fatta passare, piuttosto che fatta concentrare in un’area”, dicono le autorità.

Le inondazioni sono un evento annuale nel paese, ma quest’anno sono state particolarmente gravi.

(BBC)

CNN

Reuters

One Comment leave one →
  1. giacomo permalink
    ottobre 17, 2011 6:30 pm

    sera aezio: devo dire che ultimamente accadono situazioni inspiegabili, come il terremoto di Haiti e quello del Giappone, ove pare che siano stati “pilotati”; mi piacerebbe leggere qualche sito particolare ove si possa riscontrare un nuovo pilotaggio in merito. Lasciamo perdere il discorso che il clima è cambiato: beh: chi sa… è a conoscenza che il clima, appunto, è pilotato. Tanto è vero che, anche oggi, il clima nostrano, per me, è anomalo in quanto è piovuto pochissimo; vi sono acquazzoni enormi locali (non in tutta la città) e, oso dire abbastanza steanamente, alta pressione e bassa pressione abbastanza vicini una all’altro. Mi sa, che a breve, ci capiterà tanto freddo e tanta neve. Ad ogni modo, ultimamente, di “scie chimiche”, se ne sono viste poche in questi ultimi mesi da noi.

    Sembra quasi che i “potenti proprietari climatologici” se ne infischino se determinate città con monumenti antichi ed importanti, spariscano sotto all’acqua…..
    Mi pare, tanto per terminare questa mia, che le famose antenne di H.A.A.R.P. ogni tanto, agiscano come dei “suicidi”; cioè “scaricano” anche in ambiente “amico”.

    La saluto cordiamente – giacomo in genova.-

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: