Skip to content

Le statue di due guerrieri maya

luglio 26, 2011

Ai margini di un campo da gioco nel sito archeologico di Tonina, in Messico, sono state trovate le statue a grandezza naturale di due guerrieri maya prigionieri. Gli archeologi messicani dicono che la scoperta potrebbe gettare luce sulle alleanze e le guerre tra le città maya nell’ultimo periodo della civiltà.

I due guerrieri siedono a gambe incrociate con le mani legate dietro la schiena. Insieme a loro vi erano anche due tabelloni da gioco di pietra.

(INAH)

Il "tabellone" (INAH)

Le iscrizioni geroglifiche incise sui loro perizomi e sul petto dicono che i guerrieri appartenevano alla città di Copan, dice l’archeologo Juan Yadeun.

Secondo Yadeun, questo ritrovamento dimostra che i guerrieri di Copan aiutarono quelli di Palenque durante la guerra, durata 26 anni (688-714 d.C.), contro Tonina per il controllo del fiume Usumacinta, che oggi delimita il confine tra Messico e Guatemala.

Molti esperti hanno indicato nelle guerre interne o nel degrado ambientale le possibili cause della caduta dei Maya, a partire all’incirca dall’anno 820 d.C.

Le iscrizioni mostrano inoltre che i prigionieri furono usati come offerte insieme a fuoco e “incenso” durante una celebrazione presso il campo intorno all’anno 695. Spiega Yadeun: “I prigionieri di Copan vennero forse utilizzati durante il rituale di inaugurazione della seconda fase di abbellimento del campo da gioco, in modo da poter dare ‘vita’ alla struttura”, ‘consacrata’, dice, alle battaglie e alle vittorie di Tonina nel corso della guerra.

(INAH)

(INAH)

(AP Photo/Moyses Zuniga)

David Stuart, uno specialista di epigrafia maya presso l’Università del Texas a Austin, non concorda sulle conclusioni di Yauden.

“Non viene fatto alcun riferimento a Copan”, dice Stuart. “Forse ci sono altre prove di cui non sono ancora a conoscenza, ma queste due statue si riferiscono a prigionieri già noti da altre iscrizioni a Tonina, e ho il sospetto che siano dei locali della regione del Chiapas”.

Per Stuart lo scopo principale delle sculture era quello di commemorare una dedica del campo da gioco a Tonina il 27 giugno 696.

“Il prigioniero raffigurato nel ben conservato ritratto venne catturato il 2 ottobre 692. Penso sia una buona prova che, come altri importanti prigionieri dell’élite, probabilmente veniva tenuto in vita per un certo tempo prima di essere sacrificato”, ha aggiunto Stuart.

Toniná (INAH)

Il fiume Usumacinta (wiki)

Associated Press

INAH

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: