Skip to content

Un massacro in un forte britannico dell’Età del Ferro

aprile 24, 2011

Gli archeologi hanno trovato prove di un massacro avvenuto nell’Età del Ferro in una fortezza di collina nel parco nazionale di Peak District, in Inghilterra: un luogo di sepoltura contenente solo donne e bambini.

Nove scheletri sono stati scoperti in una sezione del fossato intorno al forte di Fin Cop. Dopo la morte i corpi furono coperti con le macerie di un muro di pietra.

(Ross Parry)

(BBC)

La costruzione della fortezza è stata datata tra il 440 a.C. e il 390 a.C.,  ma venne distrutta prima del completamento.

La costruzione di un secondo muro esterno e del fossato era stata avviata ma non completata.

Il sito fornisce una rara opportunità per studiare la guerra di epoca pre-romana in Gran Bretagna, dice il direttore degli scavi Clive Waddington dell’Archaeological Research Services.

“C’è stata un’ipotesi quasi accettata dagli archeologi che molte fortezze di collina funzionavano come manifestazioni di potere, prestigio e status e che la guerra nell’Età del Ferro in Gran Bretagna fosse in gran parte invisibile”, ha detto.

“Per le persone sepolte a Fin Cop, il forte era evidentemente [un edificio] difensivo in risposta a una minaccia molto reale”.

Gli scheletri sono di 2 donne (una incinta), 4 neonati, un bambino di 2 anni, un adolescente e un individuo adulto il cui sesso non è identificabile. Probabilmente furono massacrati dopo che il forte fu attaccato e catturato.

Tutti sono stati trovati in una sezione del fossato lunga 10 metri, l’unica parte scavata finora. Il fossato era lungo 400 metri, largo 2, profondo 5 e avrebbe difeso un muro alto 4 metri. Secondo gli archeologi vi potrebbero essere sepolti “forse centinaia di altri scheletri”.

Lo scheletro del ragazzo (Ross Parry)

(BBC)

Ancora ignote le cause del massacro: nessuno dei nove scheletri mostra segni di violenza, suggerendo una morte per ferite, soffocamento o forse malattia. Altre spiegazioni potrebbero essere una disastrosa peste o la punizione di una famiglia da parte del resto della comunità.

L’assenza di resti di maschi adulti è per ora un mistero: forse, pensano gli archeologi, vennero ridotti in schiavitù o forzati al servizio militare dei vincitori della battaglia.

Ossa animali, anch’esse trovate nel fosso, suggeriscono che gli abitanti del forte allevassero bovini, ovini e suini. C’erano inoltre resti di cavalli, segno che alcuni degli abitanti erano di alto rango.

I resti animali e umani a Fin Cop sono relativamente ben conservati, almeno in parte grazie alle rocce calcaree la cui reazione chimica ha rallentato la decomposizione del materiale organico.

Questo potrebbe spiegare perché in altri siti dell’Età del Ferro non sono state trovate sinili tracce di guerra: molte fortezze di collina sono costruite su arenaria, la cui acidità del suolo accelera la decomposizione della materia organica.

Fonti: BBC, The Guardian.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: