Vai al contenuto

La piramide di Snefru a Seila

novembre 13, 2009
La piramide a Seila (BYU Egypt Excavation Project)

La piramide a Seila (BYU Egypt Excavation Project)

Il simposio sull’Egitto tenutosi lo scorso weekend a Toronto ha fornito delle interessanti scoperte: prove per cui il marito di Djedmaatesankh si trovi ora a Chicago; informazioni sulla fortezza di Tell el-Borg e degli aggiornamenti sulla piramide di Seila dati dal prof. Muhlestein.

La piramide venne costruita da Snefru, padre di Cheope nonchè primo sovrano della IV dinastia. Snefru costruì due piramidi a Dashur – quella rossa e quella romboidale -, una a Meidum (sebbene alcuni pensino che l’abbia cominciata il suo predecessore, Huni) e una meno nota a Seila. Snefru fu il primo faraone a costruire “vere” piramidi piuttosto che piramidi a gradoni.

La piramide di Seila si trova 10 km a Ovest rispetto a quella di Meidum. È la più piccola delle quattro e sembra piuttosto isolata.

Il giornalista Owen Jarus riporta quattro interessanti scoperte:

1. Seila è una vera piramide.

Muhlestein dice: “Effettivamente abbiamo trovato pietre collocate regolarmente e buone prove che fosse una vera piramide con un rivestimento regolare che vediamo sulle altre piramidi di Snefru”.

Sotto, un modello fatto col laser della piramide come esiste adesso; l’immagine della ricostruzione non è ancora stata rilasciata.

(BYU Egypt Excavation Project)

(BYU Egypt Excavation Project)

2. È possibile che avesse un’architettura interna e una camera funebre.

Se il centro della piramide è mancante, è perchè qualcuno l’ha portato via, saccheggiandolo. Muhlestein aggiunge: “Presumibilmente qualcuno stava cercando la camera funebre. Non sapremo mai se questa ci fosse o no”.

(BYU Egypt Excavation Project)

(BYU Egypt Excavation Project)

3. Il portico sul lato orientale sembra che avesse scopi rituali.

Il portico è composto da un pavimento in pietra e mattoni. Sono stati rinvenuti un altare per la libagione e una statua. Non ci sono muri, sembra che fosse un’area aperta. Ci sono buchi nel terreno – forse per tenervi ferme delle ceramiche.

C’erano due stele: una inscritta che porta il nome di Snefru (vedi sotto) e una no.

Muhlestein l’ha paragonata ad una stele trovata nella piramide romboidale: “Snefru fu il primo faraone a scrivere il suo nome in un cartiglio. La stele della piramide romboidale, con tutti i nomi del faraone scritti nel serekht, era differente da ciò che veniva solitamente fatto. Potrebbe essere una prova di come Snefru intendesse scrivere i nomi reali, dato che introdusse nuovi elementi come il cartiglio. La stele di Seila dimostra il modo in cui questi due nomi sarebbero stati fatti da allora in poi, ponendo uno standard”.

A destra, Snefru è identificato come "Signore dell'Alto e del Basso Egitto, colui che è splendido". A sinistra, si legge "Horo, il Signore dell'Ordine" (BYU Egypt Excavation Project)

A destra, Snefru è identificato come "Signore dell'Alto e del Basso Egitto, colui che è splendido". A sinistra, si legge "Horo, il Signore dell'Ordine" (BYU Egypt Excavation Project)

La stele iscritta è stata trovata nel portico (BYU Egypt Excavation Project)

(BYU Egypt Excavation Project)

4. È più grande di ciò che pensiamo

La piramide è più alta dei 7 metri che le vengono solitamente attribuiti. Le esatte stime tuttavia non sono ancora pronte.

La piramide vista da lontano (BYU Egypt Excavation Project)

La piramide vista da lontano (BYU Egypt Excavation Project)

Analogie con le altre piramidi di Snefru:

  • Sia Seila sia Meidum vennero costruite con quasi la stessa angolatura, rispettivamente 52 e 51 gradi. La piramide Rossa e quella romboidale hanno un angolo di 43 gradi.
  • Sia Seila sia Meidum hanno strade rialzate che non portano da nessuna parte: non ci sono costruzioni alla fine di queste (a differenza delle altre due piramidi di Snefru).
  • La piramide romboidale e quella Rossa hanno templi a valle. Meidum e Seila no.
  • Meidum e la Piramide Rossa hanno templi mortuari. Seila e la romboidale no.
  • Sono state trovate statue a Seila e alla piramide Rossa. Non nelle altre due.
  • Meidum ha due stele senza iscrizioni. Seila, una iscritta, l’altra no. La piramide romboidale ha due stele iscritte. La piramide Rossa non ha stele.
  • Tutte e quattro le piramidi sembrano avere altari.

Muhlestein conclude: “Sebbene due dei nomi di Snefru significhino Signore dell’Ordine, è difficile vedere quale sia l’ordine. Nessuna delle piramidi ha lo stesso disegno decorativo, e ognuna ha qualcosa in comune con solo una delle altre, apparentemente impostando connessioni individuali tra ciascuna piramide. Ciò suggerisce che […] Snefru stesse introducendo cose quasi casualmente, oppure […] concepite per lavorare insieme in qualche maniera. Nel secondo caso, dobbiamo ancora determinare come fossero progettati per funzionare come un tutt’uno”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: