Vai al contenuto

10 cose interessanti sulle piramidi

ottobre 18, 2009

Pensate di conoscere tutto delle piramidi? Heritage-key ne ha stilato una top ten delle cose più interessanti.

1. Ci sono esattamente 118 piramidi in Egitto. Di sicuro avrete sentito nominare quella di Cheope, di Chefren o persino quella a gradoni di Djoser – la prima mai costruita in Egitto. Ma che dire di quelle meno famose? La cosiddetta piramide nera di Amenemhat III a Dashur sembra più l’Ayer Rock che una tomba egizia, mentre il mausoleo di Sahure si ergeva per 47 metri.

La piramide nera di Amenemhet III (egyptarchive.co.uk)

La piramide nera di Amenemhet III (egyptarchive.co.uk)

La piramide di Sahure (egyptarchive.co.uk)

La piramide di Sahure (egyptarchive.co.uk)

2. La 118-esima piramide è stata trovata dal team di Zahi Hawass a Saqqara. La tomba, di 4300 anni, apparteneva alla regina Sesheshet, moglie del primo faraone della VI dinastia: Sehoteptawy.

La piramide della regina Sesheshet (Ben Curtis/AP)

La piramide della regina Sesheshet (Ben Curtis/AP)

3. Tutti conoscono la necropoli di Giza, ma avete mai sentito parlare della piramide di Kheper (prenomen Djedefra), il figlio di Cheope (o Medjedu), ad Abu Rawash? Secondo alcuni era alta quanto la piramide di Micerino (Kakhet).

Resti della piramide di Kheper (AhlyMan/wiki)

Resti della piramide di Kheper (AhlyMan/wiki)

4. La grande Piramide di Cheope è l’unica meraviglia del mondo antico rimasta, nonchè la più vecchia. Include 2.3 milioni di blocchi di pietra, per un peso totale di 5.9 milioni di tonnellate. È stato l’edificio più alto del mondo (146 metri) per circa 4000 anni fino al 1311, quando venne sorpassata dalla cattedrale di Lincoln (160 metri).

La piramide di Cheope (NilsonFM/wiki)

La piramide di Cheope (NilsonFM/wiki)

5. Rimanendo alla Grande piramide, secondo Erodoto ci lavorarono 100000 persone, ovvero più dell’intera popolazione delle più grandi città del mondo dell’epoca. Oggi gli esperti stimano in circa 20000 i lavoratori – il che è comunque una cifra elevata.

6. Anche i costruttori avevano le loro tombe: quando un turista americano cadde da cavallo a Giza nel 1990, una pietra su cui era inciampato l’animale si rivelò l’estremità di una enorme necropoli dei costruttori. La squadra di Zahi Hawass vi avrebbe poi scoperto più di 600 tombe.

Il cimitero dei costruttori delle piramidi, con la Grande piramide sullo sfondo (drhawass.com)

Il cimitero dei costruttori delle piramidi, con la Grande piramide sullo sfondo (drhawass.com)

7. Una delle tre piramidi attribuite al faraone Snefru (Nebmaat), nella necropoli reale di Dashur, è sensibilmente “piegata” all’incirca dalla metà. Secondo alcuni studiosi venne fatta così semplicemente perchè l’angolo esistente cominciò ad indebolire la struttura. Secondo altri, la costruzione venne affrettata con l’avvicinarsi della morte di Snefru.

La piramide romboidale di Snefru (Ruth Shilling/flickr)

La piramide romboidale di Snefru (Ruth Shilling/flickr)

8. La costruzione di piramidi si diffuse verso sud negli ultimi anni dell’apogeo culturale dell’Egitto: basta guardare al regno di Kush di cui Meroe (nell’attuale Sudan) fu la capitale. La sua bellissima rete di piccole e scoscese piramidi venne creata fra il 4′ secolo a.C. e il 3′ secolo d.C.

Le piramidi di Meroe (Sven-steffen arndt/wiki)

Le piramidi di Meroe (Sven-steffen arndt/wiki)

9. Le piramidi non si fermano al Sahara. Oltre a quelle mozzafiato del centro America e altrove, negli anni recenti è stata scoperta la cosiddetta Valle delle piramidi in Bosnia. Se qui venisse confermata l’incredibile stima di 220 metri di altezza, la Piramide del sole diventerebbe il più grande edificio del mondo antico.

La Piramide del sole in Bosnia (Hidajet Delic/AP)

La Piramide del sole in Bosnia (Hidajet Delic/AP)

10. Gli scavi nelle piramidi non si limitano a camicie polverose e a palette battute: i robot stanno facendo il passo in Egitto. Un modello giapponese era stato mandato lungo il condotto di Osiride sotto la Piramide di Userib (Chefren), mentre un altro sviluppato dall’università di Leeds si sta facendo strada nei cunicoli della Piramide di Cheope.

Un ragazzo esplora lo stretto tunnel nel punto più basso del condotto di Osiride (drhawass.com)

Un ragazzo esplora lo stretto tunnel nel punto più basso del condotto di Osiride (drhawass.com)

2 commenti leave one →
  1. maggio 26, 2010 2:48 PM

    La storia delle piramidi bosniache è una bufala, sbugiardata già nel 2006: http://en.wikipedia.org/w/index.php?title=Bosnian_pyramids&oldid=364291911

    "Mi piace"

  2. Luciano permalink
    gennaio 14, 2021 7:03 PM

    Vorrei parlare della famosa piramide romboidale sulla quale tutti gli egittologi sono convinti
    che sia stata costruita con una inclinazione di 60° e poi, all’ultimo minuto, hanno cambiato idea
    optando per i 43°.

    Ora siccome questa piramide è la gemella di quella rossa, essendo delle stesse dimensioni come altezza e come
    disposizione interna mi sembra naturale pensare in modo diverso:

    Per me questa piramide è stata costruita esattamente come la rossa ma, avendo una grande base, data la bassa inclinazione,
    è crollata forse perché non c’era sotto una roccia sufficiente a sorreggerla.

    Quindi, esattamente come si farebbe oggi, si tampona con un muro spesso e ripido!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: