Skip to content

Scoperte almeno 50 mummie reali nella Valle dei Re

maggio 4, 2014

Straordinaria scoperta archeologica in Egitto. Una grande tomba con una sessantina di mummie o resti di mummie – appartenenti a principesse della XVIIIesima dinastia egizia (1550-1292 a.C.) – è stata rinvenuta nella Valle dei Re grazie alla collaborazione tra archeologi egiziani e una équipe di archeologi svizzeri dell’Università di Basilea.

Da uno studio preliminare sulle iscrizioni in ieratico sulle ceramiche, sarebbero emersi i nomi e i titoli di circa 30 defunti, probabilmente le principesse della corte di Thutmosi IV e Amenofi III. Rinvenuti anche i resti di alcuni sarcofagi, delle maschere funerarie e diversi vasi canopi, che dovevano contenere le viscere dei defunti.

I resti mummificati tra i frammenti di bare, tessuti e ceramiche: la tomba KV 40 è stata saccheggiata più volte (Matjaz Kacicnik, University of Basel, Egyptology)

I resti mummificati tra i frammenti di bare, tessuti e ceramiche: la tomba KV 40 è stata saccheggiata più volte (Matjaz Kacicnik, University of Basel, Egyptology)

Secondo la direttrice della missione svizzera Susanne Bickel, la tomba potrebbe far parte della KV40, di cui non si sapeva niente finora. La sepoltura, usata per decenni, dovrebbe appartenere a oltre 50 membri delle famiglie reali di Thutmosi IV e Amenhotep III.

Un pozzo funerario profondo 6 metri porta a 5 camere sotterranee, tra le quali quella centrale e tre laterali conservano le mummie. Le pareti presentano chiari segni d’incendio, forse provocato dalle torce dei tombaroli che, molto spesso, preferivano bruciare i corpi imbalsamati per arrivare prima agli amuleti.

(Matjaz Kacicnik, University of Basel, Egyptology)

(Matjaz Kacicnik, University of Basel, Egyptology)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

Dalla lettura dei testi sulle ceramiche, emergono titoli quali “principe” e “principessa”: otto almeno sono i nomi di principesse reali sconosciute (come Taemwadjes e Neferunebu), quattro principi e numerose spose straniere e bambini.

La tomba è stata poi riutilizzata in un secondo momento nel IX sec. a.C.

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(Luxor Times)

(University of Basel, Egyptology)

(University of Basel, Egyptology)

ANSA

Università di Basilea

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: