Vai al contenuto

Il vampiro di Southwell

novembre 8, 2012

I dettagli di uno dei pochi “vampiri” sepolti in Gran Bretagna sono emersi grazie alla nuova indagine archeologica di una scoperta a lungo dimenticata: uno scheletro trovato seppellito con chiodi di metallo piantati tra spalle, cuore e caviglie.

Risalente al 550-700 d.C., lo scheletro era stato riportato alla luce nel 1959 nella città di Southwell, durante gli scavi per una nuova scuola. Lo scavo aveva rivelato anche resti romani.

Il 'vampiro', a sinistra, come venne ritrovato nel 1959 (University of Nottingham Archaeology Museum)

Il ‘vampiro’, a sinistra, come venne ritrovato nel 1959 (University of Nottingham Archaeology Museum)

I chiodi (Daniels, 1965)

I chiodi (Daniels, 1965)

Nel 1959, l’archeologo Charles Daniels aveva immediatamente riconosciuto la rarità dei resti scheletrici, ma all’epoca non vennero effettuate ulteriori indagini. “Daniels aveva scherzosamente commentato di aver ‘controllato i lunghi denti canini’, associando chiaramente lo scheletro con l’essere un vampiro”, ha detto Matthew Beresford, della Southwell Archaeology. “Tuttavia, lo scheletro era stato in gran parte dimenticato da allora”.

Solo una manciata di sepolture simili sono state riconosciute nel Regno Unito. “I morti pericolosi” come i vampiri venivano sepolti con riti particolari per evitare che uscissero dalle loro tombe e attaccassero i vivi. “Per tutto il periodo anglosassone, la ‘punizione’ di essere seppellito nelle paludi, a faccia in giù, decapitato, messo al rogo o altro, era riservato a ladri, assassini o traditori”, ha scritto Beresford. Il trattamento venne successivamente esteso a tutti coloro che non si conformavano alle regole della società (adulteri, fedeli non devoti, bestemmiatori…). Tuttavia, “chi era veramente costui non lo sapremo mai”, ha detto Beresford.

I resti dello scheletro potrebbero ancora essere sepolti nel sito, visto che Daniels non riuscì a recuperare completamente il corpo.

C’è però un colpo di scena finale nella storia del vampiro di Southwell.

“Sembra che non sia stata l’ultima persona, temuta dai locali, ad essere sepolta nella città”, ha scritto Beresford. Le cronache riportano che nel 1822 un certo Henry Standley venne riconosciuto colpevole dell’omicidio di un venditore ambulante di nome John Dale. Arrestato, Standley fu poi trovato morto nella sua cella. “Si suicidò impiccandosi”, ha detto Beresford. Un giornale locale del 15 febbraio 1822 rivela che Standley venne sepolto a un incrocio e infilzato con un paletto, il che suggerisce che la paura dei morti usciti dalla tomba esisteva nella società britannica anche intorno al 1820. “Seppellire agli incroci era abbastanza comune per i sospetti vampiri: si credeva che se si fossero rianimati non avrebbero saputo tornare al villaggio. E nel folklore, i suicidi costituiscono un grande rischio di diventare vampiri”, ha detto Beresford.

Discovery

MBArchaeology (studio)

Lo scorso giugno, nella cittadina di Sozopol in Bulgaria, erano stati ritrovati altri scheletri di presunti vampiri. Recavano segni di colpi al petto inflitti con una barra di ferro trovata nella tomba accanto al corpo.

(Nikolay Doychinov, AFP/Getty Images)

(Nikolay Doychinov, AFP/Getty Images)

Nel 2011, era stato invece scoperto un esorcismo contro gli zombie nell’Irlanda medievale.

(Chris Read)

(Chris Read)

6 commenti leave one →
  1. Giusy permalink
    dicembre 15, 2012 11:56 am

    Non so se nel quinto secolo dc. credessero ai vampiri . . . non potrebbe trattarsi di una esecuzione dimostrativa? Gli antichi appendevano i corpi dei criminali/traditori alle porte della città come monito o su patiboli. Nell’ottocento la fobia vampiresca invece è ampiamente documentata ma tra un caso e l’altro passano 1300 anni di storia!

    Mi piace

    • jessica permalink
      dicembre 21, 2012 4:22 pm

      Le più antiche credenze sui vampiri risalgono all’antica grecia e si pensa che anche in India prima dell’anno 0 si raccontavano leggende su esseri che succhiavano il sangue.
      Quindi sì, già c’era gente che veniva “Impalata” fin dal V secolo d.c.

      Mi piace

  2. Max permalink
    dicembre 16, 2012 6:40 pm

    Secondo me si trattava di uomo posseduto! Ah ahhh… ma ancora con le storie sui vampiri!

    Mi piace

  3. Nome (obbligatorio) permalink
    dicembre 17, 2012 5:11 pm

    Sarebbe interessante leggere un articolo sulla sepoltura dell’età del ferro conservata al museo di Terni, quella con il cranio “ingabbiato”…

    Mi piace

  4. Tvllia permalink
    dicembre 30, 2012 2:38 pm

    Non bisogna mica andare molto lontano per trovare sepolture “anomale”. Nel Bolognese, pochi anni fa, furono trovate almeno 8 sepolture con conficcati chiodi in varie parti del corpo o arti amputati. Vedere qui per il resoconto degli scavi http://www.archeobologna.beniculturali.it/necropoli_bologna/necropoli_romana_07.htm e questo interessante documento http://www.sepoltureanomale.org/wp-content/uploads/2012/07/Sepolture-Anomale1.pdf

    Mi piace

  5. Luigi Rossi permalink
    ottobre 14, 2014 8:15 am

    A detta dello storico letterario Brian Frost, la credenza nei vampiri potrebbe risalire alla preistoria: http://books.google.it/books?id=_gINLtvH_M4C&dq=, http://it.wikipedia.org/wiki/Vampiro, http://www.treccani.it/enciclopedia/vampiro/. Per quanto riguarda il cinema e la letteratura, ricordo l’immortale DRACULA di Bram Stoker (1897) , http://books.google.it/books/about/Dracula.html?id=duJVVRa1y4AC&redir_esc=y , e NOSFERATU di F.W. Murnau, http://www.youtube.com/watch?v=psrgg6ELBxU.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: