Skip to content

Mummie di ibis sacri “nutrite” dopo la morte

febbraio 25, 2012
tags:

Gli studiosi hanno scoperto alcune delle più antiche testimonianze dell’uso degli antichi Egizi di sacrificare e riempire di cibo gli ibis sacri, una specie di uccelli anticamente diffusa in Egitto che veniva venerata come simbolo del dio Thot.

Secondo gli autori della ricerca, pubblicata sulla rivista Journal of Archaeological Science, la TAC eseguita sull’uccello di 2.500 anni fa (uno dei quattro usati per la ricerca) mostra che il corpo dopo la morte fu riempito di cereali affinché fosse in grado di affrontare la sua missione ultraterrena di messaggero presso gli dei.

Avvolto in bende di lino, l’ibis sacro è conservato alla McGill University di Montreal (Andrew Nelson, University of Western Ontario)

(Andrew Wade e Yale Peabody Museum)

La ricostruzione tridimensionale basata sulla TAC di un esemplare di ibis adulto mummificato trovato ad Abydos mostra che il “pasto” post mortem dell’animale, a base di lumache – venne inserito nel corpo attraverso un’incisione. In altre mummie sono stati invece ritrovati cereali e piccoli vertebrati, come pesci.

Quando l’uccello veniva sacrificato, lo stomaco e il suo ultimo pasto venivano rimossi durante il processo di mummificazione, spiega il responsabile della ricerca Andrew Wade della University of Western Ontario, in Canada.

L’uccello è uno dei tre ibis sacri (Threskiornis aethiopicus, oggi estinto in Egitto) risalenti fra i 2.600 e 2.000 anni fa rinvenuti pieni di cibo per l’aldilà.

Individuata attraverso la TAC, questa conchiglia di lumaca faceva parte del “cibo” inserito nell’ibis per il suo ultimo viaggio (Andrew Wade e Yale Peabody Museum)

Le mummie di due ibis e di un falco vengono sottoposte alla TAC al Montreal Neurological Institute della McGill University (Andrew Nelson, University of Western Ontario)

Le mummie di uccelli presentano molte varianti, spiega Wade: “Alcune sono sostanzialmente dei falsi, nient’altro che qualche piuma bendata assieme; alcune venivano immerse nella resina, altre ancora invece svuotate e sottoposte allo stesso procedimento usato per gli esseri umani”.

Gli ibis sacri mummificati venivano spesso offerti in onore di Thot, il dio egizio della scrittura e della saggezza, spesso raffigurato come un uomo dalla testa di uccello.

Grazie alla TAC oggi i ricercatori possono esaminare questi reperti senza danneggiarli.

(Andrew Wade e Yale Peabody Museum)

Nel becco di questo ibis sbendato proveniente da Abydos si possono notare le conchiglie di lumaca inserite, anche se di solito il cibo veniva posto all’interno del corpo (S. Ikram, North Abydos Project-IFA-NYU, ed Elsevier)

L’ibis sacro (wikipedia)

Anche se oggi questi uccelli sono estinti in Egitto, nell’antichità venivano mummificati a milioni.

Nel sito di Tuna el-Gebel sono state trovate oltre 4 milioni di mummie di ibis. Si trattava di un’industria fiorente nell’antico Egitto: venivano prodotte come offerte votive e i fedeli pagavano cifre anche molto elevate per procurarsele, spiega Wade.

(Richard Barnes, National Geographic)

National Geographic

Journal of Archaeological Science

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: