Skip to content

La Villa Adriana è orientata ai solstizi

giugno 25, 2011

La Villa Adriana a Tivoli, 30 chilometri a est di Roma, era un luogo dove l’imperatore romano poteva rilassarsi in bagni in marmo e dimenticare il peso del potere.

Ma non avrebbe mai potuto perdere completamente la cognizione del tempo, dice l’archeologa italiana Marina De Franceschini, che crede che alcuni degli edifici della villa siano allineati in modo da produrre effetti di luce solare lungo le stagioni.

(UNESCO)

Per secoli, gli studiosi hanno pensato che i più di 30 edifici della sontuosa tenuta di campagna di Adriano fossero orientati più o meno casualmente. Ma De Franceschini sostiene che durante il solstizio d’estate lame di luce attraversavano due degli edifici della villa.

In uno, la Roccabruna, la luce del solstizio d’estate entra attraverso una fessura a forma di cuneo sopra la porta e illumina una nicchia sul lato opposto. E in un tempio dell’Accademia, De Franceschini ha scoperto che la luce del sole passa attraverso una serie di porte, sia durante il solstizio d’estate che quello d’inverno.

“Gli allineamenti mi hanno dato una nuova chiave di interpretazione”, dice De Franceschini, che spiega che i due edifici sono collegati da una spianata che era una via sacra durante i solstizi. Sulla base di antichi testi che descrivono i rituali religiosi e lo studio delle sculture recuperate, l’archeologa pensa che gli effetti di luce fossero legati a cerimonie religiose connesse con la dea egizia Iside, adottata dai Romani.

Roccabruna, 19 giugno 2009. Il Sole entra dalla porta principale (destra) e illumina la parete opposta (sinistra) (Marina De Franceschini)

(De Franceschini)

Roccabruna (villa-adriana.net)

Pianta del tempietto al piano superiore di Roccabruna con gli orientamenti solstiziali (villa-adriana.net)

Spianata di Roccabruna (villa-adriana.net)

Accademia (villa-adriana.net)

Robert Hannah, classicista presso l’Università di Otago in Nuova Zelanda, ritiene plausibili le idee di De Franceschini. “Sono certamente mature per essere ulteriormente indagate”, dice.

Hannah, che attualmente sta cercando di determinare gli allineamenti associati al sorgere delle stelle nei templi greci di Cipro, crede che il Pantheon di Roma grazie alla finestra circolare in cima alla cupola, fungesse anche da gigantesca meridiana da usare come calendario, con luce del sole che illumina determinati punti sulla superficie interna: equinozi e nel 21 aprile, compleanno della città.

Pochi edifici classici sono stati studiati riguardo l’allineamento astronomico, dice Hannah, in parte perché è molto più facile verificarli in strutture preistoriche come Stonehenge, che non contengono manufatti potenzialmente contraddittori.

Jarita Holbrook, astronomo presso l’Università dell’Arizona a Tucson, non è sorpresa dall’allineamento solare nella villa di Adriano. È una “cosa comune nella maggior parte delle culture”, dice. Ma, aggiunge, è anche facile per gli edifici essere casualmente in linea con delle caratteristiche astronomiche.

De Franceschini, che lavora all’Università di Trento in Italia, pubblicherà un libro quest’estate che descrive il lavoro archeoastronomico. Attribuisce il merito di aver notato l’effetto di luce a Roccabruna a due architetti, Mangurian Robert e Mary-Ann Ray.

Nature

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: