Vai al contenuto

Soapman, la mummia fatta col sapone

gennaio 16, 2011

Questa non è una qualunque mummia. Non è egizia né Inca. Non ha migliaia di anni e non è avvolta in bende (in effetti, se la si guarda meglio, si vedono pure le calze).

(Smithsonian Institution)

Questa mummia proviene dal nord dell’America, e quando era in vita questa persona viveva a Filadelfia durante il 18′ secolo.

Il suo corpo venne casualmente trovato durante dei lavori in quella città nel 1875.

A differenza delle altre mummie – conservatesi grazie al clima secco – questa è stata esposta all’acqua, che è filtrata nella bara e ha trasformato i grassi del suo corpo in sapone. Da qui il soprannome “Soapman”, l’uomo di sapone.

La saponificazione è una reazione chimica usata per millenni per creare saponi. Quando l’acqua reagisce con grassi e olii, una reazione chiamata idrolisi, il risultato è glicerolo e sapone.

Questo processo è comune quando i corpi vengono esposti all’acqua. Il risultato finale è chiamato adipocera.

L’uomo di sapone è attualmente tenuto al National Museum of Natural History dello Smithsonian Institution, ma per il momento non è esposto.

(Dave Hunt, Smithsonian Institution)

Fonti: Discovery, Smithsonian Institution.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: