Skip to content

Una maschera romana in vendita da Christie’s

settembre 14, 2010
tags:

Andando per campi con un metal detector alla ricerca di monete, un ‘cacciatore di tesori’ inglese ha fatto una eccezionale scoperta archeologica: un elmo da cavalleria romano completo della maschera facciale.

(EPA)

Il copricapo risale alla fine del I o al II secolo d.C. ed è stato scoperto nei pressi del villaggio di Crosby Garrett, nella contea inglese di Cumbria. Secondo gli esperti era un oggetto cerimoniale e non veniva usato in combattimento.

(EPA)

(EPA)

Se la scoperta fosse stata fatta in Italia l’elmo sarebbe quasi certamente finito in un museo. Non così in Gran Bretagna, dove gli oggetti antichi di bronzo non sono coperti dal Treasure Act e quindi lo scopritore dell’elmo (che ha voluto mantenere l’anonimato) ha potuto metterlo sul mercato.

Il 7 ottobre prossimo l’oggetto verrà venduto al migliore offerente dalla casa d’aste Christie’s che gli ha dato una stima di 300 mila sterline (quasi 360 mila euro). I proventi saranno divisi a metà tra scopritore e proprietario del campo.

Il luogo del ritrovamento (Daily Mail)

Fonti: ANSA, Christie’s.

4 commenti leave one →
  1. pippo rossi permalink
    settembre 15, 2010 8:34 pm

    In Italia sarebbe quasi sicuramente finito in un museo. (molto probabilmente sul mercato nero)
    In Inghilterra sicuramente finirà in un museo (British Museum, si accettano scommesse !!!),
    un manufatto del genere non se lo fanno scappare i musei inglesi !!!
    La differenza tra imusei Italiani e quelli Inglesi stà proprio nel fatto che :
    I musei Italiani sono un pozzo senza fondo per i soldi.
    I musei Inglesi producono soldi.

    Forse adottando anche in Italia una gestione del patrimonio storico come quella Inglese le cose migliorerebbero….forse

    Mi piace

  2. agosto 5, 2013 4:15 pm

    Mi piace come scrivi, ritornerò a leggere altri interventi

    Mi piace

  3. Mario Scalini permalink
    luglio 26, 2017 1:15 pm

    Per il momento (2017) non è approdato in un museo se non come deposito perché i musei inglesi non hanno soldi. Una cosa i luoghi comini, una cosa la realtà.

    Liked by 1 persona

Trackbacks

  1. Rassegna stampa archeologica/50 « Il Fatto Storico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: