Vai al contenuto

Un nuovo rivoluzionario metodo di datazione

marzo 25, 2010

In occasione del 239′ National Meeting dell’American Chemical Society (ACS), un team di scienziati coordinato da Marvin Rowe, della Texas A&M University College Station nella sede del Qatar, ha annunciato di aver sviluppato un nuovo metodo per determinare l’età di antichi manufatti, mummie e altre reliquie senza danneggiarli.

La rivoluzione sta nel poter effettuare analisi su tutti quei reperti finora inaccessibili per la preoccupazione dei proprietari (musei o collezionisti privati) di rovinare gli oggetti.

Rowe spiega in cosa consista la rivoluzione: “Espande la possibilità di analizzare in modo approfondito le collezioni dei musei finora inaccessibili per via della loro rarità o del valore intrinseco e della natura distruttiva dell’attuale metodo di datazione al radiocarbonio. In teoria, potrebbe persino essere usato per datare la Sindone di Torino”.

La tradizionale datazione al radiocarbonio è lo strumento, solitamente usato dagli archeologi, con cui si rimuove una minuscola parte del reperto e, dopo averlo trattato con un forte acido e una forte base, lo si brucia per analizzare il carbonio-14 (o C-14, o radiocarbonio) contenuto nel diossido di carbonio (il gas noto come anidride carbonica).

Il paragone tra i livelli di C-14 contenuti nell’oggetto e quelli stimati nell’atmosfera per un particolare periodo storico permette di valutare l’età di un manufatto fino ai 45000-50000 anni fa.

Col nuovo metodo di Rowe, chiamato “datazione al carbonio non distruttivo”, l’intero manufatto è posto in una speciale camera con del plasma – un gas caricato elettricamente simile a quelli usati nelle televisioni al plasma -. Il gas ossida lentamente e delicatamente la superficie dell’oggetto, producendo così del diossido di carbonio con cui analizzare il C-14.

Una lampada al plasma (lucnix.be)

Rowe e colleghi hanno utilizzato questa tecnica per determinare l’età di circa 20 diverse sostanze organiche, tra cui legno, carbone, cuoio, pelo di coniglio, un osso con attaccata carne mummificata e un tessuto egizio di 1350 anni. I risultati combaciano con quelli ottenuti dalla tradizionale datazione al radiocarbonio.

Attualmente gli scienziati stanno perfezionando la tecnica. E comunque ci vorrà una significativa quantità di dati per dimostrare di non danneggiare oggetti inestimabili. Rowe pensa, per esempio, alla Venere di Brassempouy – datata a 25000 anni fa e considerata la prima rappresentazione realistica di un volto umano mai trovata.

La venere di Brassempouy (Elapied/wiki)

Fonte: American Chemical Society

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: