Vai al contenuto

Rassegna stampa archeologica/30

marzo 15, 2010

Degli archeologi australiani hanno scoperto ciò che credono essere il sito archeologico più a sud del mondo. L’area sembra essere stata un terreno d’incontro per tre tribù locali, estinte ormai dalla fine del XVIII secolo.

Michael Mansell, del Tasmanian Aboriginal Centre, sostiene che questo luogo sembra essere stato l’ultimo rifugio delle tribù aborigene australiane dai cannoni dei primi europei.

Si trova vicino al fiume Derwent (Tasmania, Australia) e i manufatti risalirebbero dai 28000 ai 40000 anni fa.

(Rob Paton)

(Rob Paton)

Fonti: AFP; ABC

***

È stato scoperto l’ingresso settentrionale della parte esterna del mausoleo di Qin Shi Huang, il primo imperatore della Cina. Ciò prova che effettivamente gli ingressi fossero quattro.

Quello scoperto è grande 93 metri (di altezza, dice la fonte…) x 7 di larghezza. C’è una piattaforma creata col pisè in cima alle sezioni di destra e di sinistra del muro; la parte centrale è invece crollata.

In passato, gli archeologi non erano sicuri dell’esistenza della porta settentrionale. Alcuni studiosi erano addirittura arrivati ad ipotizzare che l’orientamento della tomba andasse da est a ovest, invece che da sud a nord – come la recente scoperta sembra indicare.

Fonte: People’s Daily Online

***

Gershon Galil, dell’Università di Haifa, pensa di aver finalmente trovato la reale localizzazione di Neta’im (o Netàim), la città menzionata nell’Antico Testamento. Si troverebbe alla fortezza di Khirbet Qeiyafa (Valle di Elah, Israele).

Lo proverebbe la sua vicinanza a Khirbet Ğudray (identificata come la biblica Gederah, o Ghederà) e il fatto che le rovine archeologiche sono datate intorno al 1000 a.C., cioè quando avrebbe regnato re Davide.

Khirbet Qeiyafa era già stata associata alla biblica Sha’arayim (“due porte”, two gates) poichè la fortezza possiede proprio due porte e perchè anche Sha’arayim era stata associata al regno di Davide nella Bibbia.

Sia Gederah che Neta’im sono menzionate nello stesso verso: “Erano vasai e abitavano a Neta’im e a Gederah; abitavano là con il re, al suo servizio” (Primo Libro delle Cronache, 4:23)

Fonte: University of Haifa

***

Sono stati dissotterrati cinque cimiteri datati tra il III e il IV secolo d.C. vicino a Damasco (Siria).

All’interno erano presenti decine di scheletri, strumenti d’argilla, oggetti di vetro, braccialetti, anelli, perline e anche ornamenti con pietre preziose e d’oro.

(english.globalarabnetwork.com)

Fonte: Global Arab Network

Share

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: