Skip to content

Un antico rito funebre himalayano

marzo 3, 2011

In Nepal, nella regione del Mustang, i resti di 27 uomini, donne e bambini sono stati trovati in un sistema di grotte artificiali nei pressi del villaggio di Samdzong, a 4.200 metri sopra il livello del mare.

Molti dei corpi, sepolti circa 1.500 anni fa, erano stati scarnificati: secondo i ricercatori, si tratta di un rito funebre himalayano che finora era sconosciuto.

Il recupero dei resti è stato affidato a scalatori molto esperti poiché, a causa dell’erosione, le grotte e l’intera parete rocciosa sono molto instabili.

Pete Athans, esperto scalatore, recupera resti umani dalla parete rocciosa; sullo sfondo, un altro cranio umano (Cory Richards)

Secondo gli studiosi, i cadaveri erano stati adagiati su ampie mensole di legno, ma dopo secoli di esposizione agli elementi le mensole sono crollate.

Quando i ricercatori sono entrati nelle camere sepolcrali, hanno trovato le ossa sparse a terra assieme a resti di capre, vacche e cavalli, forse sepolti assieme ai morti come offerte sacrificali.

Jacqueline Eng, bioarcheologa della Western Michigan University, cataloga i resti umani (Cory Richards)

Nell’antichità, probabilmente, l’accesso alle grotte era reso più facile dalla presenza di sporgenze rocciose e forse anche dall’uso di scale. Ma da allora l’erosione ha fatto sì che solo esperti come Segal o Pete Athans, veterano dell’Everest e co-leader del team, potessero raggiungerle.

“Sotto i nostri occhi, stanno scomparendo tutte le tracce che potrebbero farci capire quando e da chi sono state scavate queste grotte”, avverte Athans. “La tomba che abbiamo scoperto è in grave pericolo; si trova in una matrice rocciosa molto fragile, che è già crollata in passato. Non credo che la tomba sarebbe sopravvissuta a un’altra stagione dei monsoni”.

Lo scalatore Matt Segal sposta con delicatezza i resti umani (Cory Richards)

I nuovi reperti sono solo i segni più recenti della presenza umana su quelle rocce inaccessibili: anche nell’antichità, sottolinea l’antropologo Mark Turin, l’isolamento esercitava un fascino notevole.

“Oggi i monaci vanno a vivere in monasteri remoti, ma i resti trovati risalgono a un’epoca molto precedente alla fondazione dei primi monasteri”, dice Turin, direttore del Digital Himalaya Project dell’Università di Cambridge.

Un antico sistema di grotte, molto simile a quello dove di recente sono stati trovati resti umani, domina il villaggio di Drakkmar, nel Mustang superiore (Cory Richards)

Aldenderfer e i suoi colleghi ritengono che la pratica di scarnificare i cadaveri e seppellirli nelle grotte potrebbe essere l’anello di congiunzione tra due rituali funebri ben conosciuti: quello zoroastriano, più antico, che imponeva di scarnificare i corpi e dare la carne in pasto agli animali, e la successiva “sepoltura celeste” dei tibetani, in cui il corpo viene tagliato ed esposto alle intemperie e agli uccelli.

La bioarcheologa Jacqueline Eng e l'archeologo Mark Aldenderfer esaminano una mandibola trovata tra i resti delle tombe rupestri del Mustang (Cory Richards)

Fonte: National Geographic (qui e qui).

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 438 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: