Vai al contenuto

59 sarcofagi e una statuetta di Nefertum scoperte a Saqqara

ottobre 7, 2020
tags:
(Ministero del Turismo e delle Antichità)

Nell’arco di un mese, il numero delle bare intatte trovate in uno scavo archeologico a Saqqara in Egitto è aumentato dalle 13 iniziali a 59 – e ce ne sono altre in arrivo, dicono gli archeologi egiziani. Le bare dipinte, che risalgono alla XXVI dinastia egizia (664 – 525 a.C.), sono state trovate accatastate insieme in tre pozzi funerari. Saqqara è la necropoli della città egizia di Menfi.

(Ministero del Turismo e delle Antichità)

Le mummie sono ancora conservate all’interno delle bare, e i geroglifici dipinti sui sarcofagi indicano che appartenevano a sacerdoti, alti funzionari e personalità eminenti della società. Accanto alle bare c’erano anche i resti di 28 statuette. Una delle più interessanti è una statuetta in bronzo alta 35 centimetri del dio Nefertum, che è raffigurato con un fiore di loto sulla testa. Il copricapo è fatto di pietra di agata rossa, turchese e lapislazzuli. Nella mitologia egizia, Nefertum è il figlio di Ptah e Sekhmet, dio della risurrezione e dell’immortalità e molto popolare a Menfi, la prima capitale dell’Egitto. Un’altra piccola statua trovata vicino alle bare raffigura il dio Ptah-Soker – una fusione degli dèi Ptah e Sokar. «Saqqara era chiamata Saqqara a causa del dio Sokar. Nel Periodo tardo [l’epoca a cui risalgono le bare], c’era una combinazione del dio Ptah di Menfi con Sokar», ha dichiarato l’egittologo Zahi Hawass. «Questo è unico. Non l’ho mai visto prima».

(Ministero del Turismo e delle Antichità)

Insieme alle bare sono state trovate anche numerose statuette ushabti. Gli antichi Egizi spesso seppellivano i morti con gli ushabti, che credevano avrebbero funzionato per i defunti nell’aldilà. L’Egitto lottò per ottenere e mantenere la sua indipendenza durante la XXVI dinastia. All’inizio della dinastia i faraoni erano vassalli dell’Assiria, tuttavia quando il potere assiro si indebolì, gli Egizi furono in grado di affermare la loro indipendenza politica. L’ascesa della Persia segnò la fine della dinastia e nel 525 a.C. l’Egitto venne conquistato. Il lavoro a Saqqara è condotto da una squadra egiziana diretta da Mustafa Waziri, il segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità. I lavori sono in corso e si prevede di scoprire presto altre bare e altri manufatti.

(Ministero del Turismo e delle Antichità)

Live Science

Ministero egiziano delle Antichità (1, 2)

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: